Tour de France: Geraint Thomas tappa e maglia gialla a La Roserie

Di GIANCARLO COSTA ,

Geraint Thomas vincitore tappa La Rosiere al Tour de France
Geraint Thomas vincitore tappa La Rosiere al Tour de France

Dopo 11 tappe finalmente una giornata spettacolare al Tour de France, con la tappa Albertville – La Rosiere, 4 salite in 108 km ma per la prima volta arrivo in salita, inedito per il Tour de France, ai 1850 metri della stazione sciistica di La Rosiere San Bernardo, collegata alla valdostana La Thuile. E tanti italiani hanno passato il colle Piccolo San Bernardo sperando nell’impresa dei nostri corridori, con Caruso e Nibali protagonisti si, ma non vincenti.

Da subito un gruupo di corridori va in fuga, e in questo gruppo ci saranno gli sfortunati protagonisti della tappa come Damiano Caruso e soprattutto Mikel Nieve, vincitore della tappa di Cervinia all’ultimo Giro d’Italia.
Il Tour passa da Areche-Beaufort, la patria dello scialpinismo, per poi affrontare la Cormet de Roseland, ascesa durissima nella prima parte, poi pedalabile, ma cin una discesa che è ripida e selettiva.
Davanti conducono Nieve, Caruso e Barguil. Intanto scatta in salita Valverde, che trova Soler e la coppia scala la Cormet de Roseland con Valverde virtualmente maglia gialla. In discesa attacca Tom Dumoulin, che in salita fa una cronometro per riportarsi sulla testa della corsa.

Dopo che la Sky ha fatto la sua classica azione, tirando con ritmo incredibile nelle ultime due salite, a 5 km dal traguardo iniziano i fuochi artificiali tra i favoriti per la vittoria finale, con Geraint Thomas che parte va in caccia di Dumoulin. Intanto Froome, Quintana, Bardet, Nibali e Martin continuano a scattarsi in faccia, con Froome che un po’ alla volta lascia per strada gli avversari.
A un km dal traguardo Thomas stacca Dumoulin, si porta su Nieve, che avrebbe meritato di vincere la tappa, e lo supera a 300 metri dal traguardo, conquistando tappa e maglia gialla in un sol colpo. Seconda piazza allo sprint per Dumoulin che sprinta su Froome, quarto uno splendido Damiano Caruso. Vincenzo Nibali arriva 9° a 59” e sale in quarta posizione in classifica generale a 2’14” dalla nuova maglia gialla Geraint Thomas.
La superiorità del Team Sky è sembrata disarmante, tanti pretendenti al podio sono già fuori classifica, da Uran a Jungels a Kazarin, ma sia Dumoulin che Vincenzo Nibali sono corridori di fondo e da domani sull’Alp d’Huez e sui Pirenei non mancheranno dicercare di mettere in difficoltà i due alfieri del Team Sky

Classifica 11^ TAPPA
1. Geraint Thomas (Team Sky) Km. 108 in 3h 29' 36''; 2. Tom Dumoulin (Team Sunweb) a 20''; 3. Chris Froome (Team Sky) a 20''; 4. Damiano Caruso (Bmc Racing Team) a 22''; 5. Mikel Nieve Iturralde (Mitchelton – Scott) a 22''; 6. Daniel Martin (Uae Team Emirates) a 27''; 7. Jesus Herrada (Cofidis, Solutions Credits) a 57''; 8. Romain Bardet (Ag2r La Mondiale) a 59''; 9. Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida) a 59''; 10. Nairo Quintana (Movistar Team) a 59''.

CLASSIFICA GENERALE
1. Geraint Thomas (Team Sky) in 44h 06' 16''; 2. Chris Froome (Team Sky) a 1' 25''; 3. Tom Dumoulin (Team Sunweb) a 1'44''; 4. Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida) a 2'14''; Primo Roglic (Team Lotto Nl – Jumbo) a 2' 23''; 6. Steven Kruijswijk 8Team Lotto Nl – Jumbo) a 2'40''; 7. Mikel Landa Meana (Movistar Team) a 2' 56''; 8. Romain Bardet (Ag2r La Mondiale) a 2' 58''; 9. Nairo Quintana (Movistar Team) a 3' 16''; 10. Daniel Martin (Uae Team Emirates) a 3'16''.

In allegato le foto della tappa de La Rosiere

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti