Strade insicure: FATE PRESTO!

Di EMANUELE ZANGARINI ,

Una Ghost Bike sul Lungotevere Maresciallo Cadorna. Foto: Catia Demonte.
Una Ghost Bike sul Lungotevere Maresciallo Cadorna. Foto: Catia Demonte.

La condizione dei trasporti in Italia è grave, eppure i trasporti sono finiti in secondo piano nella campagna elettorale appena conclusa. Ci sarebbe più di una ragione per farne il primo punto di un programma di governo, più di una data da ricordare.

Milano 25 gennaio 2018, un treno deraglia nei pressi di Pioltello, 3 morti e 46 feriti fra i pendolari a causa di un giunto guasto nei binari. Ancona 9 marzo 2017, un ponte in via di ristrutturazione crolla sulla A14, 2 automobilisti morti e 3 feriti fra i lavoratori del cantiere.

E poi i disservizi: a febbraio arriva un inverno come una volta e le strade ferrate del paese restano paralizzate dal gelo e dalla neve con ritardi fino ad oltre 10 ore.

Strade insicure

Sulle strade, l’ISTAT ha rilevato nel primo semestre 2017 116.137 feriti e 1.623 morti in soli sei mesi, con un aumento della mortalità per incidente stradale rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente dovuto in maggior parte ad incidenti su autostrade e strade extraurbane come statali e provinciali.

Fra le migliaia di vittime mietute sulle strade italiane nel 2017 vi è anche l’ex ministro dei trasporti Altero Matteoli, che ha perso la vita sulla statale Aurelia. Matteoli era stato vittima di un incidente stradale nel 1985 sulla stessa strada quando un TIR gli tagliò la strada: “Ho le gambe piene di placche metalliche e ancora oggi quando guido verso Roma ringrazio Dio di essere vivo” raccontava pochi anni prima di perire in un incidente simile 32 anni dopo.

È solo la vittima più illustre fra quelle che hanno perso la vita su quella strada maledetta, una statistica che non ha risparmiato neppure i ciclisti per cui il transito sull’Aurelia è una roulette russa.

Ricetta per il disastro

La 17ma legislatura ha portato a casa l’importante risultato della legge sulla Mobilità ciclistica grazie anche all’impegno dell’ex sindaco di Reggio Emilia Graziano Delrio e al voto delle opposizioni più attente al tema come il M5S.

Purtroppo però gli investimenti infrastrutturali negli ultimi 10 anni sono stati la principale vittima delle politiche di contenimento della spesa pubblica, un fattore che ha frenato lavoro e sviluppo in un momento in cui sarebbero invece serviti investimenti sostanziosi.

L’ex viceministro dell’Economia Mario Baldassarri ha dipinto a tinte fosche il quadro attuale degli investimenti: “è evidente che dal punto di vista del sostegno alla ripresa economica, alla crescita e all'occupazione quella che funzionerebbe meglio, se fosse attuata rapidamente bene senza sprechi e senza malversazioni, è la spesa per investimenti pubblici. Non dimentichiamoci che dopo il picco di 58 miliardi di euro di investimenti pubblici nel 2008 siamo scesi a 33 miliardi di euro in questi anni quindi è stata l'unica voce di spesa che è stata tagliata sul serio”.

Trasporti nei programmi del nuovo governo

Come agirà il nuovo governo? Analizziamo i programmi elettorali depositati presso il Ministero dell’Interno dei primi due partiti usciti vincenti dalle elezioni del 4 marzo.

Il Movimento 5 Stelle cita al punto 6 gli investimenti e al punto 2 “investimenti ad alto moltiplicatore occupazionale” che traducendo dalla lingua della macroeconomia equivale ad investimenti in infrastrutture.

Analogamente la Lega mette le infrastrutture nei primi due punti del programma investimenti infrastrutturali citando la revisione del Codice degli appalti e lo sviluppo delle infrastrutture al Sud.

Dimezzare gli investimenti in piena crisi economica per tentare di ridurre la spesa pubblica ha finito per indebolire strade e ferrovie e non ha permesso di rilanciare seriamente l’occupazione.

Auspichiamo che il prossimo governo continui sulle politiche di mobilità ciclabile per ridurre il traffico e aumentare la vivibilità dei centri urbani. Attendiamo che investa nelle infrastrutture, nei mezzi del trasporto pubblico locale e nelle strade extraurbane, ancora troppo pericolose per automobilisti e per ciclisti.

Foto: Catia Demonte

  • Curo le rubriche di ambiente, energia, della ciclabilità e della mobilità sostenibile di bici.tv e outdoorpassion.it. Seguo la parte tecnico-informatica di Outdoor Passion dal 2007 quando portava il nome di Sport Communities. Twitter: @emazangarini Facebook: emanuele.zangarini

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti