Simone Sterbini e Davide Pacchiardo trionfano al 38º Trofeo Internazionale Bastianelli (FR)

Di MARCO CESTE ,

Davide Pacchiardo
Davide Pacchiardo

Dal 1977, il Trofeo Internazionale Bastianelli regala sempre quel fascino che solo Atina (Frosinone) e tutti i comuni della Valle di Comino sanno offrire tra le colline, le montagne ai margini del Parco Nazionale d’Abruzzo e il verde che contraddistinguono paesaggisticamente questa amena zona della Ciociaria.
L’appuntamento è per domani, domenica 3 agosto, con la tradizionale classica per élite ed under 23, giunta alla 38° edizione, a cura del Gruppo Sportivo Sabina sulla distanza di 143,7 chilometri spalmati su un tracciato nuovo di zecca: il via volante da Sabina alle 13:30, segue un primo circuito di 52 chilometri verso la parte nord (Fontechiari, Alvito e Posta Fibreno); un secondo circuito, lungo 57 chilometri, con un nuovo passaggio ad Alvito, Villa Latina e il gran premio della montagna di Picinisco a quota 712 metri di altitudine; conclusione con due giri corti di 18 chilometri circa con lo strappo di Colle Posta (altitudine 447 metri): sulla cronotabella l’ultimo passaggio in vetta è previsto a 7 chilometri dalla conclusione con il nuovo traguardo fissato ad Atina Inferiore (Ponte Melfa). 
“Il Gruppo Sportivo Sabina è riuscito anche quest’anno ad approntare un’edizione degna della migliore tradizione – è il commento del patron Ernesto Bastianelli –. Ci aspettiamo una corsa avvincente con un tracciato largamente rivisto in attesa di celebrare il nuovo vincitore del Bastianelli”. 
I 115 iscritti alla gara sono pronti a darsi battaglia lungo i tanti su e giù (“mangia e bevi” in gergo ciclistico) della Valle di Comino: scorrendo l’elenco, i nomi di richiamo, senza dubbio, sono quelli di Davide Pacchiardo (campione italiano élite in carica) e di Simone Sterbini (l’atleta di Olevano Romano, vincitore della Ciociarissima di Sora, corsa nella quale si è laureato campione italiano under 23, professionista nel 2015 con la Bardiani CSF assieme al fratello maggiore Luca), tra gli uomini di punta del Team Pala Fenice senza dimenticare l’Astana Continental Team del leader e vincitore uscente Maxim Ayazbayev, a sua volta pronto a dire la sua cercando di sbaragliare la concorrenza di altri team come la Delio Gallina-Colosio Eurofeed, l’Aran Cucine, la General Store Bottoli Zardini, la Vejus-Tmf-Cicli Magnum, l’UC Pregnana-Team Scout, il Team Idea 2010, la Vega Prefabbricati Montappone, il Velo Club Senigallia, la Nankang Fondriest Franco Gomme, la Virtus Villa, la Cicli Falgiani, la compagine straniera della Russian Helicopters e la Nazionale Argentina. 
IL PROGRAMMA COMPLETO E IL PERCORSO NEL DETTAGLIO
Verifica licenze: domenica 3 agosto dalle ore 9.00 alle ore 11.00 ad Atina Inferiore presso i locali del Palazzo Comunale in via Volsci. Riunione Tecnica : domenica 3 agosto alle ore 11.15 presso i locali del Comune di Atina – Partenza ufficiosa: ore 13.15 ad Atina con trasferimento turistico di 3 chilometri a Sabina – Partenza ufficiale : ore 13.30 a Sabina  – Percorso : Atina (trasferimento) - Sabina (chilometro zero) – Casalattico, Purgatorio, Broccostella, Vicalvi, Alvito, Rosanisco, Sabina, Villa Latina, Serre, Picinisco, Atina Inferiore., Casalvieri, Alvito, Rosanisco, Atina Inferiore., Sabina, Villa Latina, Rosanisco, Atina Inferiore., Sabina, Villa Latina, Colle Posta, Rosanisco, Atina Inferiore. – per un totale di Km 143,700.
ALBO D’ORO
1977 Antonio Pannone; 1978 Franco Grossi;  1979 Vincenzo Tagliente;  1980 Francesco Cesarini; 1981 Antonio Marchionne; 1982 Raffaele Mollica; 1983 Claudio Visci; 1984 Paolo Casconi; 1985 Davide Bracalè; 1986 Vittorio Barlocci; 1987 Davide Brotini; 1988 Daniele Bruni; 1989 Biagio Scarpato; 1990 Ezio Missori; 1991 Stefano Dante;  1992 Romualdo Apicella; 1993 Samuele Schiavina; 1994 Oscar Ferrero; 1995 Gianluca Vezzoli;  1996 Fabio Sacchi; 1997 Claudio Ainardi; 1998 Gianluca Tonetti;  1999 Antonio Varriale; 2000 Gianluca Fanfoni; 2001 Massimiliano Martella; 2002 Vladislav Borisov (Russia); 2003 Jorg Strauss (Svizzera); 2004 Moises Aldape Chavez (Messico); 2005 Davide Torosantucci; 2006 Rocco Capasso; 2007 Francesco De Bonis; 2008 Peter Kennaugh (Gran Bretagna); 2009 Radoslav Rogina (Slovenia); 2010 Carmelo Consolato Pantò; 2011 Kristian Durasek (Croazia); 2012 Luigi Miletta

Luca Alò - ufficio stampa



Può interessarti