Schwalbe Tour Transalp in Trentino per il gran finale

Di GIANCARLO COSTA ,

Leaders Schwalbe Tour Transalp
Leaders Schwalbe Tour Transalp

Si è conclusa a Trento la sesta tappa dello Schwalbe Tour Transalp con partenza da Caldaro (BZ) e arrivo in Piazza Fiera nel centro storico della Città del Concilio. La gara a coppie, una delle più apprezzate al mondo nel panorama cicloamatoriale, proponeva oggi una frazione di 126 km e 2219 metri di dislivello con l’ascesa di Maso Roncador, i saliscendi della Val di Cembra, la tosta erta del Passo del Redebus e la salita di Bosentino, ultimo ostacolo prima della picchiata conclusiva verso il centro di Trento. Sole e caldo hanno accompagnato i ciclisti di tutto il pianeta, 28 le nazioni rappresentate in gara, e sul traguardo di Piazza Fiera sono transitati per primi i belgi Bart Bury e Kristof Houben che hanno anticipato di un solo secondo i connazionali Glorieux-Michels e di 2’40’’ la coppia Feyerer-Fingerlos (AUT), terza classificata. 11esimi e migliori degli italiani i trentini Bruno Debertolis e Agostino Zortea. In classifica generale Bury-Houben guidano con soli 7’’ di vantaggio sui connazionali e l’ultima tappa, da Trento ad Arco, risulterà quindi decisiva per gli esiti della gara.

In campo femminile, invece, successo per Tatjana Ruf (SUI) e Annina Jenal (AUT), leader incontrastate del “Tour Transalp” 2015, che oggi hanno conquistato il sesto successo in sei frazioni sin qui disputate precedendo di 5’01’’ Dom (BEL)-Ciaudano (ITA) e le trentine Marcellina Dossi e Micaela Boniciolli, terze a 5’19’’. Gli altri vincitori di giornata sono stati gli austriaci Mathias Nothegger-Hans Peter Obwaller (Masters), i tedeschi Klaus Elsner e Markus Rieber (Grand Masters) e Krzysztof Skupke-Caroline Kopietz nella categoria mista. Queste tre coppie sono saldamente al comando dei rispettivi ranking di categoria, mentre fra i riders solitari si è imposto il tedesco Benjamin Jörges che ha anche conquistato la leadership in classifica generale.

Piazza Fiera e Trento si confermano, quindi, patria delle due ruote anche a livello internazionale, basti pensare che Houben, uno dei vincitori di giornata, aveva anche partecipato ai Campionati del Mondo Amatori e Master 2013 classificandosi al nono posto assoluto nella prova granfondo conclusasi sul Monte Bondone. “E’ sempre bello pedalare sulle strade trentine - ha commentato nel dopogara - siamo contenti perché oggi dopo tanti piazzamenti siamo finalmente riusciti a vincere una tappa. Stiamo crescendo di condizione e adesso ci giocheremo tutto domani”. Sul traguardo emozioni particolari anche per le coppie trentine. I migliori sono stati Bruno Debertolis e Agostino Zortea, 11esimi sul traguardo e ottavi in classifica generale: “Oggi era molto caldo, la tappa era molto nervosa ed è stato davvero faticoso. Noi, da fondisti, siamo abituati a gareggiare con temperature molto diverse ma in bici alla fine è meglio così. I primi sono irraggiungibili, comunque cerchiamo sempre di dare il meglio”. Tanta soddisfazione anche per Alessandro e Roberto De Gasperi, padre e figlio, che oggi con il 17esimo posto hanno conquistato il migliore piazzamento di questa Transalp: “Noi siamo di Sardagna – una frazione di Trento - ed è la prima volta che facciamo il Tour Transalp. È molto bello arrivare in casa e dovevamo cercare di ottenere il miglior piazzamento possibile. Non avevamo mai corso una gara così lunga in bici assieme, ma ce l’abbiamo fatta e ci siamo divertiti”. Un pizzico di rimpianto, invece, per Marcellina Dossi e Micaela Boniciolli, che hanno collezionato tre secondi posti e altrettanti terzi posti. “Nelle tappe iniziali forse abbiamo preso un po’ sottogamba le prime due, ma probabilmente erano alla nostra portata. Adesso stiamo andando forte e contiamo di dare tutto domani, è la nostra ultima possibilità. Riusciamo a farci forza l’una con l’altra nei momenti di difficoltà e oramai siamo quasi arrivate”. E come loro si sono fatti forza in tanti ed in tante in questi giorni che da tutto il mondo, Germania e Austria in primis, ma anche Canada, Russia, Australia e Stati Uniti, si sono divertiti e hanno faticato in sella durante le sei tappe sin qui disputate.

Lo Schwalbe Tour Transalp ha preso il via il 28 giugno dalla Germania e la penultima tappa arrivava dopo passaggi in Svizzera, Austria, Lombardia e Alto Adige sulle rampe di alcune delle più spettacolari salite dell’arco alpino. Le diverse coppie di concorrenti si sono anche godute il ristoro di fine gara e le piscine gonfiabili in cui hanno trovato un po’ di refrigerio dopo le fatiche spese in sella. La festa prosegue poi in serata a Trento Fiere, dove saranno di scena le premiazioni e la cena, mentre domani alle 9.00 il Tour Transalp ripartirà da Piazza Fiera in direzione Arco, dove dopo 7 tappe, 886 km e oltre 19.000 metri di dislivello si concluderà il 13esimo Schwalbe Tour Transalp.

Oggi e domani l’accoglienza dei corridori è curata dall’ApT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi che fra due settimane manderà in scena un altro grande evento internazionale, la decima edizione de “La Leggendaria Charly Gaul”: la nota granfondo, unica tappa italiana dell’UCI World Cycling Tour, vedrà sfilare oltre 2000 ciclisti di tutte le nazioni a Trento e dintorni dal 16 al 19 luglio.

Info: www.tour-transalp.de 

Fonte Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti