Sardinia Divide: la traversata della Sardegna in aprile 2019

Di GIANCARLO COSTA ,

Sardinia Divide (foto Luca Manca)
Sardinia Divide (foto Luca Manca)

Mar di Sardegna, uno dei tratti di costa più belli dell’Isola, con un sistema dunale che si estende per chilometri. Da qui, dalla spiaggia di Torre dei Corsari, partirà venerdì 5 aprile la quarta edizione del Sardinia Divide, con destinazione Marina di Tertenia, sulla costa orientale, dalla parte opposta dell’Isola. Il coast del coast organizzato dalla società Sardinia Biking si svolge ogni anno su una linea diversa, con tracciati sempre nuovi, e per il 2019 sono state organizzate due edizioni, a distanza di una settimana una dall’altra, in modo che sin dall’inizio ci si possa iscrivere per la data preferita.

Una sequenza ininterrotta di pianure e montagne, valli e creste, gole e altipiani e finalmente l’altra spiaggia, questa volta sul Mar Tirreno, saranno gli scenari della traversata, che si snoda su sterrati, mulattiere e sentieri antichi di secoli, ancora oggi praticati da agricoltori e pastori. Non mancherà un tracciato ferroviario dismesso, che con le sue lievi pendenze consentirà di procedere con tranquillità.
La lunghezza complessiva è di circa 170 chilometri, da percorrere in tre tappe giornaliere portando sulla bici il necessario per la giornata di viaggio e per la sera in hotel, ciò che oggi si chiama bikepacking. Doccia, cena, letti con camere riscaldate e colazione e pranzo al sacco sono assicurati dalle strutture ricettive nelle quali si pernotta alla fine del primo e del secondo giorno. Tre le formule di partecipazione: in camera singola, in camera doppia o in camera tripla, con conseguenti differenze di costi. Grazie alla presenza delle guide i partecipanti conosceranno meglio i territori attraversati e saranno liberi dalle incombenze dell’orientamento e dello studio della logistica, ad esempio per i rifornimenti idrici lungo strada e per la prenotazione dei servizi nelle strutture ricettive.

La prima tappa si conclude a Barumini, in un albergo dal quale si ammira a breve distanza Su Nuraxi, la reggia nuragica che l’Unesco nel 1997 ha dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Ci sarà il tempo per una visita guidata al nuraghe e oltre alle frequenti attrattive naturali non mancheranno nel tour altre attrattive storiche come la Casa Zapata, antica residenza nobiliare risalente al Cinquecento, oggi trasformata in museo.
Ai partecipanti che la desiderino sarà consegnata preventivamente la traccia GPS del percorso, in modo da poterla caricare sul proprio GPS e poter procedere per qualche tratto anche indipendentemente dal gruppo. A ogni partecipante che percorrerà l’intera traversata sarà consegnato l’attestato di finisher.

Per chi arriva dalla Penisola o dall’estero l’organizzazione si avvale dell’assistenza di un tour operator che propone le soluzioni di viaggio più adeguate a ciascun partecipante. Torre dei Corsari, punto iniziale del tour, dista circa 100 km da Cagliari (porto e aeroporto) e circa 20 km dalla stazione ferroviaria più vicina. A Marina di Tertenia, località finale del tour, attenderà i partecipanti un minibus dotato di carrello portabici per il transfer di ritorno a Torre dei Corsari.
Il costo di partecipazione è più basso quanto prima ci si iscrive, con scadenze temporali a fine dicembre, a fine febbraio e al 25 marzo (chiusura iscrizioni).

Link sito: www.sardiniadivide.com
Mail: info@sardiniadivide.com
Pagina Facebook: www.facebook.com/SardiniaDivide
Tel. 349.006.21.69 (Francesca Loi), 339.406.92.14 (Rita Serra)
Organizzazione: Sardinia Biking e Criss Viaggi

Fonte organizzazione

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti