A Roma Capannelle Antonio Folcarelli e Sara Casasola maglie rosa del Giro d’Italia Ciclocross

Di GIANCARLO COSTA ,

A Roma Capannelle si è concluso il Giro d’Italia Ciclocross (foto organizzazione)
A Roma Capannelle si è concluso il Giro d’Italia Ciclocross (foto organizzazione)

Sulla fine terra battuta di Roma Capannelle è calato il sipario sul decimo Giro d’Italia Ciclocross nel ricordo di Romano Scotti, conclusosi con una cavalcata trionfare dei più grandi ciclocrossisti dello stivale, dalle categorie giovanili sino a quelle professionistiche.
Con la regia dell’ASD Romano Scotti, sotto gli auspici della Federazione Ciclistica Italiana (per la quale il Giro valeva anche come Campionato Italiano di società – vinto dalla ASD DP 66 Rigoni Selle SMP del pluri-iridato Daniele Pontoni) e con la collaborazione di Hippo Group Capannelle guidato da Elio Pautasso, 500 atleti si sono dati battaglia contendendosi gli ultimissimi punti per le 17 maglie rosa in palio. Grande la gioia in casa Scotti per l’ennesima sfida lanciata e vinta, una pietra miliare nel segno del dieci che segna la promozione a pieni voti del movimento crossistico italiano.

Disegnato interamente nel perimetro dell’ippodromo più famoso d’Italia, il percorso del decimo memorial Romano Scotti, tappa anche del circuito regionale Lazio Cross, si è presentato velocissimo, aggiungendo all’acqua, alla sabbia, alla montagna e al fango l’unico elemento ancora mancante, quello della velocità. Nessuna gara, quindi, è stata scontata, pur in assenza di fango e dislivello. Le condizioni del tracciato hanno costretto gli atleti a gare estremamente tattiche in cui a trionfare sono stati anche volti nuovi, capaci di far rendere al meglio strategia e gambe.

Tanti i nomi importanti al via, in fondo a meno di una settimana dai campionati italiani di Milano questa di Roma è stata una grande prova generale e, a vederci bene, tutti i podi e le maglie rosa non sono mai scontati né banali né sorprese eccessive: sono sempre i migliori che si giocano la vetta.

Gara donne

Grande la gioia per Chiara Teocchi, già campionessa europea che difende i colori del Team Bianchi, vincitrice di spessore a Roma Capannelle: «È stata una gara mito dura, combattuta sin dalle prime battute, siamo rimaste un gruppetto di cinque e poi a tre dalla fine abbiamo aumentato io e Silvia (Persico, ndr), la gara si è decisa sul penultimo rettilineo, che ho imboccato in testa. È l mia prima vittoria 2019, sono felicissima, il cambio di categoria non mi pesa perché mi confronto con le open da parecchio. Il mio sogno è riuscire a fare bene alla rassegna tricolore imminente».

Gioisce anche Silvia Persico, la seconda arrivata, che ha dimostrato uno stato di forma niente male, in netta crescita da inizio stagione: «All’inizio siamo rimaste in 5, poi dopo verso metà gara volevo provare a dare battaglia in vista dei prossimi campionati italiani e ho tentato una sferzata. È riuscita, sul ultimo rettilineo ce la siamo giocata, ma Chiara è stata più furba e più forte». Grande la grinta per Gaia Realini, prima delle donne junior e sicura vincitrice della maglia bianca, mentre il terzo gradino assoluto del podio è stato calcato dalla toscana in quota Selle Italia Guerciotti Francesca Baroni, autrice di una volata magistrale sulla conterranea Alessia Bulleri (Merida Italia Team) dopo aver staccato la maglia rosa Sara Casasola (SD DP 66).

Gara uomini

All’arrivo la vittoria è tutta per uno scatenato Jackob Dorigoni, l’altoatesino della Selle Italia Guerciotti in grado di distanziare la maglia rosa dello scorso anno Christian Cominelli (Cycling Cafè) e Nadir Colledani della Bianchi Countervail. Ci sono quasi tutti i portacolori del cross italiano, dal giovanissimo Stefano Sala all’esperto Stefano Capponi, ma a gioire più di tutti è il laziale Antonio Folcarelli, che mette al sicuro (7° assoluto) la maglia rosa e la maglia bianca. È lui il trionfatore nella categoria regina del decimo Giro d’Italia Ciclocross.

Fonte u.s. Romano Scotti

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti