Regione Piemonte: 10 milioni di euro per i percorsi dei pendolari in bici | Bici.tv

Regione Piemonte: 10 milioni di euro per i percorsi dei pendolari in bici

Di EMANUELE ZANGARINI ,

Le piste ciclabili di Torino hanno bisogno di essere curate ed estese.
Le piste ciclabili di Torino hanno bisogno di essere curate ed estese.

La Regione Piemonte ha aperto un bando a copertura del 60% dei costi di realizzazione di piste e percorsi ciclabili sovra-comunali.

Il bando interessa la Città Metropolitana di Torino e le province piemontesi che potranno aggregarsi per la realizzazione di infrastrutture che colleghino i comuni alle fermate dei mezzi pubblici e alle stazioni ferroviarie per incentivare l’interscambio fra questi e la bicicletta che va sotto il nome di intermodalità.

Il bando segue due svolte annunciate per il mondo della bici. La prima è nazionale, l’approvazione della Legge Quadro sulla Mobilità Ciclistica che ha elevato le infrastrutture ciclabili alla medesima dignità della rete stradale, autostradale e ferroviaria grazie all’impegno delle associazioni come FIAB e all’attenzione del ministro dei trasporti Graziano Delrio.

La seconda svolta annunciata riguarda la ciclabilità a Torino: la sindaca Chiara Appendino che ha fatto della mobilità dolce un punto cardine del proprio programma elettorale ha recentemente annunciato la trasformazione del biciplan in un progetto di ciclopolitana urbana per creare una rete che incentivi lo scambio bici-metro, bici-bus, bici-treno.

Parallelamente l’amministrazione punta a ridurre il numero di auto nella ZTL con un sistema di pedaggi inclusivi di sosta gratuita per i mezzi che vi accedano: ad oggi si calcolano 75.000 accessi alla ZTL fra le 7:30 e le 19:30 di un giorno infrasettimanale di cui 42.500 sono i non residenti senza permesso che usano il centro solo per spostarsi da una parte all’altra della città.

Ridurre il numero di auto aumenterà la vivibilità del centro per pedoni e ciclisti, ma a quelle decine di migliaia di automobilisti va fornita un’alternativa praticabile, supportata dall’infrastruttura ciclabile, dai posteggi di interscambio e da trasporti pubblici efficienti.

A un anno e mezzo dall’elezione della sindaca Appendino abbiamo così testato sul campo la positiva novità del bike sharing free floating accompagnata purtroppo dall’incerto stato delle piste ciclabili torinesi che tuttora hanno grandi problemi di manutenzione, sicurezza e che non fanno ancora rete, limitando l’utilizzo del mezzo in città.

Il bando regionale “percorsi ciclabili sicuri” mira a collegare i comuni del Piemonte per favorire il pendolarismo in bici. Gli enti interessati possono presentare una proposta entro le ore 12.00 del 23 marzo 2018.

  • Curo le rubriche di ambiente, energia, della ciclabilità e della mobilità sostenibile di bici.tv e outdoorpassion.it. Seguo la parte tecnico-informatica di Outdoor Passion dal 2007 quando portava il nome di Sport Communities. Twitter: @emazangarini Facebook: emanuele.zangarini

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti