Pedalando in Valle Olona

Di DAVE ,

1
1

Domenica siamo stati in Valle Olona, in provincia di Varese, in compagnia di Marco Angeletti e gli altri ragazzi dell'A.S.D. Emissioni Zero, una nuova piccola realtà che si sta mettendo in mostra per l'intraprendenza e la voglia di far scoprire la mountain bike in un territorio che fino ad ora poco si è interessato alle ruote grasse.

Il territorio è prevalentemente collinare, non ci sono grandi dislivelli, ma è un continuo sali e scendi sui pendii delle colline, il lavoro che hanno iniziato Marco e soci è davvero da ammirare, stanno tracciando e segnando nuovi sentieri, stanno riscoprendo sentieri abbandonati e cercano di valorizzare quelli esistenti lottando spesso contro i soliti motociclisti e i soliti contadinotti che mal sopportano la gente che scorrazza per il bosco in sella ad una bicicletta.

Il percorso che abbiamo affrontato insieme domenica è un anello di circa 30Km per 800m di dislivello, si può percorrere tranquillamente con mountain bike da cross country, anzi sono proprio queste le bike più adatte, non ci sono grosse asperità nè in salita e nè in discesa e il percorso risulta molto fluido e divertente.

La conformazione del terreno è adatta a tutti i biker, da quello esperto e allenato che può spingere al massimo in cerca della prestazione, fino al biker della domenica con bici da supermercato, le salite non sono mai estenuanti e sono tutte pedalabili, il fondo è davvero buono, pochissime pietre e per lo più molto compatto, da evitare con il bagnato perchè assorbe poco l'acqua, da segnalare l'ultima discesa e il divertente guado finale...probabilmente in estate sarebbe stato ancora più divertente!

Nel pomeriggio ci siamo poi spostati a Varese nel Parco del Campo dei Fiori, una zona interamente segnata e tracciata per appassionati di trekking e mountain bike, mette a disposizione una varietà di sentieri davvero ampia, quello che noi abbiamo scelto di percorrere è il sentiero N.10, quello dall'indole più discesistica e quindi più divertente, dopo un tratto interamente da pedalare in falsopiano, ma comunque piacevole visto che si è completamente immersi nel bosco, arriva la parte più adrenalinica ovviamente in discesa, il terreno qui è leggermente diverso dalla zona della Valle Olona, più pietre e meno terra rendono il fondo più difficile, ma comunque anche qua interamente fattibile a parte alcuni passaggi a cui bisogna prestare particolare attenzione.

Secondo noi la zona si presta all'uso della mountain bike, specialmente nei dintorni di Varese dove i dislivelli importanti non mancano di certo, un pò diverso il discorso per la Valle Olona dove purtroppo le colline piuttosto basse non danno possibilità di inventarsi percorsi troppo duri. A dirla tutta ci fa specie il fatto che nella terra delle due ruote, che non più di un anno fa ospitava il Mondiale su strada, nessuno si sia mai preoccupato della diffusione e dello sviluppo della mountain bike, non a caso nessuna gran fondo o cross country di rilevanza nazionale si svolgono in questa zona.

Il lavoro iniziato dai ragazzi dell'A.S.D. Emissioni Zero è davvero ammirevole, la voglia di valorizzare un territorio che fino ad oggi poco aveva da offrire alla mountain bike si merita tutto il supporto che gli appassionati come noi possono offrire, come ho detto a Marco però, credo che il passo fondamentale per far compiere il salto di qualità al loro lavoro sia quello di cercare di coinvolgere le amministrazioni pubbliche e organizzare un evento agonistico, magari inserito in qualche circuito di rilevanza nazionale, in questo modo la Valle Olona e la provincia di Varese inizieranno a girare anche fuori dal loro territorio. 

Restano comunque di primo livello tutte le attività che già oggi l'A.S.D Emissioni Zero organizza, il recente corso guide UISP, i diversi contest di dirt e slope style organizzati durante l'anno, la presenza praticamente fissa ad ogni evento di rilievo con il campo scuola per i ragazzi come in occasione della Townhill di Bergamo.

Per il prossimo anno diverse altre attività bollono in pentola, non posso anticipare troppo ma quello che è quasi sicuro è che l'A.S.D Emissioni Zero avrà un team ufficiale che correrà il circuito Superenduro, sarà rinnovato ovviamente l'appuntamento con Insubria Bike Festival anche se la location è ancora da decidere e si stanno pianificando altre attività tutte volte allo sviluppo della Valle Olona e alla diffusione del nome A.S.D Emissioni Zero. 

Noi dal canto nostro continueremo a seguire le loro attività e non mancheremo di fornirgli il nostro appoggio. 



Può interessarti