Niki Terpstra si aggiudica il Giro delle Fiandre

Di GIANCARLO COSTA ,

L'ambiente del Giro delle Fiandre (foto cyclingnews)
L'ambiente del Giro delle Fiandre (foto cyclingnews)

Edizione numero 102 per la prima delle classiche del nord, il Giro delle Fiandre, quella dei muri anche in pavè dove i professionisti a volte mettono il piede in terra per salire. L’attrazione di quest’anno era Vincenzo Nibali, che per la prima volta era al via di questa “classica monumento”. E lo “Squalo dello Stretto” non ha deluso le attese, scattando a 28 chilometri dal traguardo. Solo che questa volta, lo scatto non gli ha consentito di arrivare solo al traguardo come alla Milano-Sanremo, perché ha capito il momento l’olandese Niki Terpstra, tra i favoriti della vigilia, che si è accodato a Nibali e si è reso protagonista di una grande azione solitaria. Prima ha staccato Nibali, poi ha ripreso i tre fuggitivi Pedersen , Van Baarle e Langeveld per lasciarli sul Kwaremont, seguito solo da Pedersen.
Intanto dietro i big, a cominciare da Sagan, marcato a vista da Gilbert, lasciavano fare, forse convinti che avrebbero recuperato nel finale o, cosa più probabile, incapaci di reggere il ritmo del fuoristrada. Questa è anche la fase di gara che vede pian piano svanire i sogni di podio degli italiani. Insieme a Vincenzo Nibali restano leggermente attardati Colbrelli 23°, Moscon 21° e Trentin. Quando poi il gruppo ha provato a recuperare, il vantaggio di Terpstra era ormai incolmabile e l’olandese si aggiudica così un’altra Classica Monumeto dopola Parigi-Roubaix dello scorso anno.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti