Matteo Fabbro vince il cronoprologo al Giro della Valle d’Aosta

Di GIANCARLO COSTA ,

Podio prologo Giro della Valle d'Aosta (foto federciclismo)
Podio prologo Giro della Valle d'Aosta (foto federciclismo)

E’ Matteo Fabbro della Cycling Team Friuli il vincitore del prologo a cronometro di 8 chilometri che ha aperto il 54° Giro ciclistico internazionale Valle d’Aosta – Mont Blanc.
Sul tracciato da Saint Gervais Mont Blanc a Saint Nicolas de Veroce, Fabbro ha dimostrato di essere atleta di livello assoluto. Ha vinto il prologo battendo di 9 secondi il vincitore dell’ultimo Giro U23, il russo Pavel Sivakov della BMC Development Team, terzo il monegasco Victor Langellotti (UC Monaco). Gli altri italiani meglio piazzati nella cronometro, sono stati Giovanni Carboni 11° a 24” e Filippo Zaccanti 12°, entrambi del Team Colpack.

Domani tappa canavesana con partenza da Quassolo e arrivo a Scalaro di Quincinetto, tappa che propone le salite di Perloz, di Castelnuovo Nigra e di Alice, prima della dura ascesa a Scalaro, 15 km con 1000 metri di dislivello.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti