La crono del Delfinato a Richie Porte, il belga De Gendt sempre maglia gialla

Di GIANCARLO COSTA ,

Richie Porte vincitore Cronometro Criterium del Delfinato (foto cyclingnews)
Richie Porte vincitore Cronometro Criterium del Delfinato (foto cyclingnews)

Quarta tappa del Criterium del Delfinato ed ecco la tanto attesa cronometro, di 23.5 km tra La Tour-du-Pin e Bourgion-Jalieu, una distanza e un tracciato che anticipa quella che sarà la penultima tappa di Marsiglia del prossimo Tour de France, e c’è da scommettere che sarà decisiva per la vittoria finale.
Chi è già in formato Tour è il tasmaniano della BMC Richie Porte, che si aggiudica la gara in 28’07”, precedendo il campione del mondo a cronometro Tony Marti di 12”, con un sempre più incredibile Alejandro Valverde 3° a 24”. Quindi tra gli attesi protagonisti in salita Alberto Contador è 7° a 35” e Chris Froome è 8° a 37”, confermando che la sua condizione non è quella dello schiacciasassi visto in azione nei 3 Tour vinti. La maglia gialla di questo Crterium rimane sulle spalle del belga Thomas De Gendt, oggi 9° 42”.

In chiave azzurra, Italia e Astana, segnali positivi da Fabio Aru che è arrivato 27° a 1’18” da Richie Porte risultando il migliore degli uomini Astana: dopo i problemi al ginocchio che lo hanno tenuto lontano dalle corse per quasi tre mesi, la condizione fisica del ciclista sardo è forse anche un po’ superiore a quanto ci si potesse aspettare e se si esclude Porte i distacchi accusati in questa cronometro non sono così incolmabili in momtagna. Adesso bisognerà vedere come riuscirà a comportarsi nelle prossime tappe di montagna, ma dopo oggi si può essere ottimisti sulle possibilità di Aru di fare un buon Tour de France. Tra gli italiani invece il migliore è stato Diego Ulissi che ha comunque perso 1’01”.

Il belga Thomas De Gendt continua ad essere in testa alla classifica generale dopo la fuga vincente nella prima tappa, con 27″ di vantaggio su Richie Porte e 51″ su Alejandro Valverde; il miglior italiano è Diego Ulissi, 10° a 1’22”, mentre Fabio Aru è 19° a 1’45”..

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti