Granfondo Laigueglia Alè, quest’anno al via il 26 febbraio

Di GIANCARLO COSTA ,

Granfondo Laigueglia Alè (foto gs alpi)
Granfondo Laigueglia Alè (foto gs alpi)

Il mare d'inverno è un concetto che il pensiero non considera, è poco moderno, è qualcosa che nessuno mai desidera”. Loredana Bertè in una delle sue più belle canzoni racconta, appunto, il mare d’inverno. Evidentemente la gente considera il mare solo nella bella stagione, invece d’inverno rilassa, si apre agli sportivi, e si propone ormai da 18 anni anche agli appassionati della bicicletta con la Granfondo Laigueglia Alè, quest’anno al via il 26 febbraio a Laigueglia (SV).
È la prima proposta di stagione, quella che consente le prime sgambate e i primi confronti col cronometro in una località che davvero merita, per chi ancora non lo avesse fatto, di essere scoperta. Le temperature a fine febbraio sulla costa ligure sono già miti, del resto la Granfondo Laigueglia Alè scorre per un po’ sul lungomare prima di addentrarsi nell’entroterra, che comunque in Liguria solitamente regala in quel periodo davvero sprazzi di primavera.
Laigueglia, rinomata stazione turistica, anche a febbraio è invitante, siamo nell’affascinante Riviera delle Palme, terra appunto di turismo, di pescatori e di ciclismo. La zona è anche chiamata “Baia del Sole” e quando l’inverno comincia la fase discendente, se altrove suggerisce di lasciare la bicicletta ancora a riposo, a Laigueglia invita alle prime pedalate di stagione.

È il GS Alpi che propone la Granfondo Laigueglia Alè, una gara che si snoda attorno alla cittadina rivierasca con un percorso di 110 chilometri e 1833 metri di dislivello. La partenza è prevista in centro, come in passato, con lo start effettivo all’uscita di Laigueglia e con la corsa che poi si dirige sul lungomare verso Alassio, Albenga e Ceriale, da dove si saluterà il mare per pedalare verso l’entroterra ed affrontare la prima salita di giornata da Cisano ad Arnasco, la prima di cinque ascese, vivaci ma pedalabili. L’ultima sarà quella che porta a Colla Micheri, dove è posto il traguardo, a circa 1,5 km da Laigueglia, arrivo raggiungibile dagli accompagnatori con un bus navetta gratuito messo a disposizione dagli organizzatori.
Uno dei punti di forza della GF Laigueglia Alè è la sicurezza dei partecipanti, con l’intero percorso di gara chiuso al traffico per 90’ dal transito del primo concorrente, con un’organizzazione meticolosa in tutti i dettagli come ad esempio il parcheggio delle bici custodito durante il pasta party finale, il controllo della competizione con sistemi satellitari e con il concorrente sempre al centro dell’attenzione.
Le iscrizioni sono già in corsa e la cifra di adesione, fino al 22 febbraio, ammonta a 40 euro. Per gli indecisi o per chi attende l’ultimo momento ci sarà una “finestra” aperta sabato 25 e domenica 26 in loco prima del via, con un sovrapprezzo di 10 euro.
Le iscrizioni sono gestite da SDAM (www.mysdam.net), tutti i dettagli sono disponibili sul sito ufficiale www.granfondolaigueglia.it dove si può verificare il percorso e scoprire tutte le opportunità offerte dall’evento.

La GF Laigueglia Alè fa parte dei cliccati circuiti Gran Trofeo GS Alpi, Prestigio, InBici Top Challenge e Gran Premio Costa Ligure.
Condizioni particolari per partecipanti, accompagnatori e per quanti volessero approfittare dell’ospitalità a Laigueglia in occasione della gara sono rintracciabili sul sito www.quilaigueglia.it con tante opportunità a prezzi vantaggiosi.
Da non perdere quindi il weekend del 25-26 febbraio a Laigueglia, che regalerà sicuramente emozioni indimenticabili e durante il quale l’ospitalità e la cucina ligure faranno la parte del leone.

Info: www.granfondolaigueglia.it

Fonte Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti