Giro d'Italia: a Pinerolo trionfa Matteo Trentin

Di GIANCARLO COSTA ,

Giro d'Italia arrivo Pinerolo con Trentin, Moser, Brambilla
Giro d'Italia arrivo Pinerolo con Trentin, Moser, Brambilla

E' stata la tappa più lunga del Giro d'Italia la Muggiò-Pinerolo di 244 km, tappa che ha portato i protagonisti della corsa rosa dalla Lombardia al Piemonte. 200 chilometri di pianura e poi un finale micidiale con la salita di Prà Martino e lo strappo finale di San Maurizio a Pinerolo, con pendenze fino al 20%, finale di tappa già affrontato dal Tour de France.

E gran finale è stato, con la fuga di una ventina di corridori fin dai primi chilometri, con il gruppo che lascia fare e rimane a 13 minuti. Dalle prime rampe della salita di Pra Martino, attaccano Moreno Moser e Gianluca Brambilla, che vanno via e con cambi regolari si staccano dal resto del gruppetto, che però non demorde e cerca di rimanere in gara per il successo finale. Negli ultimi due chilometri Matteo Trentin non demorde e con una volata di 1500 metri si porta sulle ruote dei due fuggitivi, con Brambilla che aveva smesso di collaborare con Moser, che non si è accorto dell'arrivo di Trentin ed è rimasto sui pedali nello sprint finale. Comunque un podio con 1° Matteo Trentin, al suo primo successo al Giro d'Italia, 2° Moreno Moser e 3° Gianluca Brambilla.

Per la classifica della maglia rosa sempre in testa l'olandese Steven Kruijswijk con 3' su Chaves, 3'23" su Valverde e 4'43" su Nibali. Domani la tappa da Pinerolo alla francese Risoul, con il passaggio al Colle dell'Agnello quota 2744m, cima Coppi del Giro d'Italia.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti