Giro d'Italia: la tappa Alpago-Corvara al colombiano Esteban Chaves, l'olandese Kruijswijk nuova maglia rosa, Nibali 2°

Di GIANCARLO COSTA ,

Giro d'Italia tappa Corvara Esteban Chaves e Steven  Kruijswijk (foto cyclingnews)
Giro d'Italia tappa Corvara Esteban Chaves e Steven Kruijswijk (foto cyclingnews)

Era la tappa più dura del Giro d'Italia la Alpago-Corvara, 210 km con 6 Gran Premi della Montagna sulle Dolomiti per 5800 metri di dislivello positivo e lo spettacolo non è mancato, con qualche colpo di scena. Una fuga partita da lontano, con il colombiano Atapuma che fino a 2 chilometri dal traguardo ha accarezzato il sogno di vincere questa prestigiosa tappa. Mentre la fuga perdeva i pezzi per strada, nel gruppo della maglia rosa l'Astana si metteva a fare il forcing e ci lasciavano le penne quelli della Movistar, prima l'ex maglia rosa Amador e poi al primo scatto di Nibali si staccava subito Valverde. Poi però l'azione di Nibali perdeva consistenza e partiva l'olandese Steven Kruijswijk, forse sottovalutato dai più, che staccava il gruppetto. Al sua ruota arrivava quasi subito il colombiano della Orica GreenEDGE Esteban Chaves, i due raggiungevano prima Georg Preidler e poi Darwin Atapuma. Lo sprint finale andava al giovane colombiano, soprannominato “Colibri” che vinceva la sua prima tappa al Giro d'Italia dopo il grave infortunio di due anni fa' al Trofeo Laigueglia.

Nella classifica generale la nuova maglia rosa è l'olandese Kruijswijk, 2° a 41" Vincenzo Nibali, 3° a 1'32" Esteban Chaves, 4° Valverde a 3'06", 5° Amador a 3'15", 6° Majka a 3'29" e 7° Zakarin a 3'53". Un Giro aperto a molte possibilità, domani c'è la cronometro dell'alpe di Siusi, ma saranno le duepatte di montagna del prossimo fine settimana tra Piemonte e Francia, con passi a 2700 metri che decreteranno il vincitore di questa corsa rosa. Le speranze dei tifosi italiani sono tutte per il Campione d'Italia, Vincenzo Nibali, unico corridore azzurro in grado di vincere la corsa rosa.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti