Giro d'Italia: a Sestri Levante (GE) vince la maglia rosa Michael Matthews su Felline e Gilbert, drammatica caduta per Pozzovivo

Di GIANCARLO COSTA ,

La maglia rosa Michael Matthews dell'Orica GreenEdge (foto cyclingnews)
La maglia rosa Michael Matthews dell'Orica GreenEdge (foto cyclingnews)

Gran bella tappa, la terza del Giro d'Italia, da Rapallo a Sestri Levante, 136 km con 2300 metri di dislivello, tutta sali-scendi nell'entroterra ligure con due gran premi della montagna e la pianura che arriva solo nei chilometri finali. Da subito va via una fuga di 25 corridori, con dentro un ex-campione del mondo come Philippe Gilbert. Ma la fuga viene tenuta sotto controllo dalla Tinkoff di Contador, che corre da leader anche se la maglia rosa è sulle spalle di Michael Matthews.

Purtroppo una caduta ha funestato la tappa, vittima Domenico Pozzovivo, che in discesa a 40 km dal traguardo è scivolato a terra riportando un forte trauma cranico ed è ora ricoverato in ospedale.

Il più tenace della fuga, il russo Pavel Kochetkov, viene ripreso a pochi chilometri dal traguardo, poi i treni di Tinkoff e Astana portano il gruppo ridotto a 50 corridori all'ultimo chilometro, dove la maglia rosa Matthews non si lascia scappare l'occasione di vincere la volata e aggiudicarsi la tappa in 3h33’53”, nonostante un ottimo Fabio Felline in testa fino a 50 metri dal traguardo, che finisce 2°, con Philippe Gilbert 3°, il russo Lagutin 4° e Paolo Tiralongo 5°.

Nella classifica generale, la maglia rosa Michael Matthews dell'Orica GreenEdge prende l'abbuono e conduce in 8h06’27”, Simon Clarke 2° a 6”, Simon Gerrans 3° a 10”, Esteban Chaves 4° st, Roman Kreuziger 5° a 17”, Alberto Contador 6° st, Michael Rogers 7° st, Paolo Tiralongo 8° a 23”, Fabio Aru 9° st e Diego Rosa 10° st.

Domani tappa difficile, da Chiavari a La Spezia, 150 chilometri, di salite dure e discese tecniche.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti