Freccia Vallone: successo di Julian Alaphilippe su Alejandro Valverde | Bici.tv

Freccia Vallone: successo di Julian Alaphilippe su Alejandro Valverde

Di GIANCARLO COSTA ,

Jiulian Alaphilippe vince la Freccia Vallone 2018 (foto bettini cyclingnews)
Jiulian Alaphilippe vince la Freccia Vallone 2018 (foto bettini cyclingnews)

Il francese Julian Alaphilippe della Quick-Step Floors, vince la Freccia Vallone 2018, riportando questa classica in Francia dopo oltre 20 anni. E supera il fuoriclasse spagnolo Alejandro Valverde che ha vinto le ultime quattro edizioni. Completa il podio il belga Jelle Vanendert.
Una Freccia Vallone bellissima, combattuta per tutti 198 km del percorso, che ha vissuto un finale decisamente più movimentato rispetto al passato, anche grazie al coraggio di Vincenzo Nibali e altri compagni di fuga che per diversi minuti hanno messo in discussione anche il possibile rientro del gruppo, che però poi è riuscito a riportare i favoriti a giocarsi le proprie carte sul Muro.

La corsa ovviamente accende i fuochi artificiali al primo passaggio sotto il traguardo, sul Muro di Huy, ma subito si sgancia un gruppetto di una ventina di corridori, nel quale c’è anche Vincenzo Nibali, che prova la gambe in vista del suo obbiettivo di domenica, la Liegi-Bastogne-Liegi
Con Vincenzo Nibali (Bahrain Merida), c’è ancora anche l’altro italiano Cesare Benedetti (Bora – hansgrohe), poi l’australiano Jack Haig (Mitchelton-Scott), il francese Anthony Roux (Groupama-FDJ), l’estone Tanel Kangert (Astana) ed il tedesco Maximilian Schachmann (Quick-Step Floors).
Questo quintetto guadagna secondi preziosi e si pensa che “Lo Squalo dello Stretto” abbia in serbo un’altra sorpresa dopo la Milano-Sanremo. Purtroppo il gruppetto si sfalda e Nibali viene riassorbitodal gruppo dei migliori. .

Tutto si decide sul Mur, come previsto. Haig si arrende, Schachman prosegue e fa da punto di riferimento per gli inseguitori e soprattutto per il suo capitano. Jelle Vanendert (Lotto Soudal) fa l’andatura nelle ultime centinaia di metri, Valverde non è reattivo come suo solito. Scatta allora Julian Alaphilippe che guadagna una manciata di metri, sufficienti per resistere al prepotente ritorno di Alejandro Valverde, e va a vincere sua prima Classica Monumento della carriera.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti