La Fausto Coppi Le Alpi del Mare va ad Andrea Gallo, nelle donne vince Olga Cappiello. Morte per malore di un concorrente del medio: Marco Giraudo.

Di GIANCARLO COSTA ,

Andrea Gallo Vincitore de LA FAUSTO COPPI LE ALPI DEL MARE 2015 (foto organizzazione)
Andrea Gallo Vincitore de LA FAUSTO COPPI LE ALPI DEL MARE 2015 (foto organizzazione)

Vittoria di Andrea Gallo seguito da Damiano Lenzi (Campione del Mondo di scialpinismo) e di Paolo Castelnuovo. La bella giornata di sport cuneese è stata funestata, proprio verso la fine della gara del lungo, da una notizia che ha lasciato tutti tristemente attoniti. Infatti, un concorrente del medio, Marco Giraudo ha avuto un malore mentre si accingeva a salire l’ultimo GPM del percorso, la salita per Madonna del Colletto.

“Nello sport come nella vita vi sono momenti belli come quello sportivo di oggi e momenti brutti come quello che purtroppo oggi è successo. Alla Fausto Coppi Le Alpi del Mare c’è stato un triste evento”… Sono queste le parole che hanno dato l’annuncio, sul palco, dell’annullamento della cerimonia di premiazione, dopo aver appreso la notizia della morte di Marco Giraudo (detto Giri), 41 anni di Cuneo, titolare del Timbrificio omonimo.

Il malore lo ha colto mentre con un amico affrontava l’ultima salita del percorso medio quella di Madonna del Colletto (poco oltre località Festiona di Demonte). Immediato l’intervento dell’ambulanza al seguito della corsa e, successivamente, dell’elicottero del 118. Inutili i tentativi di rianimazione per il cuneese, che correva per il team ASD Bocciofila Cuneese sezione ciclismo. Lascia 2 bimbe.

L’organizzazione, gli amici, le squadre, tutti gli appassionati si stringono attorno alla moglie e alla famiglia di “Giri”.

Dal punto di vista sportivo e dell’evento, è stata un’edizione da record con 2200 iscritti e circa 2000 partenti. Oltre il 30% proveniente dall’estero. Al primo posto la Francia, seguita dall’Olanda e dai paesi scandinavi.

La granfondo Fausto Coppi Le Alpi del Mare 2015 è una delle più spettacolari e difficili maratone ciclistiche d’Europa. Due i percorsi: una medio fondo di 111 km e 2500 metri di dislivello e una granfondo di 177 km con 4125 metri di dislivello.

Attraversa le valli Varaita, Maira, Grana, Stura e Gesso, con la sua punta più alta sul Col Fauniera (2481m).

La manifestazione ha anche una forte valenza turistica ed un ottimo ritorno per il territorio grazie alla presenza dei tanti sportivi e di tutto il seguito di appassionati. Si è calcolato l’arrivo a Cuneo di oltre 6000 persone per il weekend.

Partiti alle 7 da Piazza Galimberti in centro a Cuneo in una mattinata tersa i 2000 ciclisti dopo 600 metri si sono divisi al viadotto Soleri. A destra per il lungo ed a sinistra per il medio.

Il gruppo della gara principe è compatto quasi fino a Venasca poi vi sono i primi tentativi di fuga ma vengono progressivamente ripresi fino a quando  si stacca un gruppo di 5 persone capitanato da Andrea Gallo, seguito da Damiano Lenzi (ASD Atelier Della Bici) da Domenico Romano (Biemme Sport Team) e da Paolo Castelnovo (ASD Team UCSA). Dietro Matteo Bordignon (Biemme Sport Team).

Da quel momento i 5, di comune accordo, impostano una fuga che li porta a staccare decisamente il resto del gruppo. Resteranno insieme alternandosi e studiandosi fino a Castelmagno poi, sulla salita del Fauniera, quando mancano poco meno di 70 km all’arrivo, Andrea Gallo attacca e insieme a Lenzi e Castelnuovo, stacca gli altri.

Restano in tre fino quasi alla cima del Fauniera, poi è ancora Gallo che nella discesa tenta il tutto per tutto. Riesce a distanziare gli avversari e si avvia, in solitaria, verso il traguardo.

Giungerà a Cuneo alle 12,50 dopo oltre 60 km da solo, con 8’ 06” sugli inseguitori e dopo 5 ore e 50 minuti di gara.

Dietro di lui, in uno sprint quasi da fotofinish, si piazzano rispettivamente Damiano Lenzi seguito da Paolo Castelnuovo.

Nelle donne, vince la torinese Olga Cappiello (Team De Rosa Santini) , seguita da Anna Maria Nunia (Sc Vigor Cycling Team) e da Chiara Musso (ASD Atelier della Bici). La torinese arriva in solitaria, dopo aver giocato la gara con le avversarie nelle prime salite.

Arriverà dopo 7ore e 6 minuti staccando le avversarie di 13’57”

Nel percorso medio vittoria di Davide Aufiero (Equipe Exploit) e nelle donne di Erica Magnaldi (Team De Rosa Santini).

In allegato le classifiche complete.

Fonte ufficio stampa Vitamina C

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti