Etna Marathon: Tony Longo ed Elena Gaddoni Campioni Italiani Marathon

Di GIANCARLO COSTA ,

etna-tricolore (foto federciclismo.it)
etna-tricolore (foto federciclismo.it)

L’alfiere del TX Active Bianchi ha conquistato il titolo italiano davanti a Jury Ragnoli (Scott Racing Team) e Damiano Ferraro (Team Selle San Marco), la campionessa del FRM Factory Racing Team precede Lorenza Menapace (TITICI Lgl Pro Team) e Claudia Andolina (Team Lombardo Bike)

Si è conclusa domenica 22 settembre a Milo (CT) la settima edizione dell’Etna Marathon che ha assegnato il titolo di Campione Italiano Marathon 2013: sul percorso di 78 chilometri e 2.800 metri di dislivello alle pendici dell’Etna a trionfare è stato il trentino Tony Longo, che ha coronato così un anno condotto ad altissimi livelli. Pronti-via e si forma subito un quartetto di testa formato da Tony Longo, Juri Ragnoli, Daniele Mensi e Damiano Ferraro che da grande spettacolo tra i boschi e gli ampi spazi rocciosi di antiche colate laviche solidificate. Il quartetto si sfilaccia attorno al quarantesimo chilometro: a tenere il ritmo forsennato di Longo è solo Ragnoli.

La pioggia irrompe violenta sul percorso di gara ma la coppia di testa sembra ugualmente destinata a giocarsi il titolo fino alla fine: quando mancano meno di 30 chilometri all’arrivo un’improvvisa foratura costringe Ragnoli ad attardarsi. E’ il momento decisivo della gara: Longo allunga inesorabilmente ed imbocca con un ampio margine di vantaggio la lunga discesa finale che lo porterà al traguardo di Milo in 3 ore e 23 minuti.

Dietro di lui Ragnoli effettua il cambio ruota, rinviene su Damiano Ferraro (che ne aveva approfittato per avvantaggiarsi) e chiude in seconda posizione a cinque minuti di distacco: terzo è lo stesso Damiano Ferraro, autore di una gara costante e di grande sostanza.

Tra le donne Elena Gaddoni si rende protagonista di un vero e proprio monologo sul percorso di 64 chilometri. La campionessa del Team FRM domina con estrema facilità tutte le avversarie cui infligge distacchi importanti: ben 10 minuti a Lorenza Menapace e 25 minuti a Claudia Andolina.

I PROTAGONISTI

Tony Longo: “Ho cercato di fare gara dura sin dall’inizio per fare selezione già ai primi chilometri: sapevo che l’uomo da battere era Ragnoli e quando lui ha forato sono rimasto da solo. Ho dato tutto nel finale per non dare a nessuno la possibilità da rientrare e così sono finalmente riuscito ad indossare la maglia tricolore”.

Juri Ragnoli: “Questa gara conferma che la mountain bike è uno sport splendido, ma pieno di imprevisti: basta un piccolo errore e lo paghi carissimo. Così è stata per la mia foratura: comunque tanto di cappello a Tony Longo che oggi ha fatto il ritmo sin dall’inizio e ha meritato di indossare la maglia”.

Damiano Ferraro: “Sono venuto a questi campionati italiani con grandi ambizioni: ho provato a tenere il ritmo dei primi fino al quarantesimo chilometro, ma da quel momento in poi ho dovuto mollare e difendere la terza posizione. Sono comunque molto contento per il risultato di oggi”

Elena Gaddoni: “Sono molto contenta per il risultato di oggi dopo la beffa dell’anno scorso: è stata una gara dura fino alla fine con il single track finale tra le rocce da affrontare con massima lucidità fino all’ultimo metro".

UOMINI ELITE: 1. Tony Longo (Tx Active Bianchi) 3:23:21; 2. Jury Ragnoli (Scott racing Team) 3:28:22; 3. Damiano Ferraro (Team Selle San Marco) 3:29:40

DONNE ELITE: 1. Elena Gaddoni (FRM Factory Racing Team) 3:35:59; 2. Lorenza Menapace (TITICI Lgl Pro Team) 3:46:04; 3. Claudia Andolina (Team Lombardo Bike) 4:00:11

CAMPIONI ITALIANI 2013 PER CATEGORIA

Marco Cellini (ASD Cicli Taddei) ELMT

Ivan Degasperi (Team Todesco) M1

Marco De Polo (Team Full-Dynamix) M2

Emiliano Ballardini (Team Todesco) M3

Maurizio Tarquinio Solagna (WR Compositi Racing ASD) M4

Massimo Berlsuconi (Ecodiger-Cyp ASD) M5

Massimo Milanetto (XDrive racing Team) M6

Simona Bonomi (Mtb Parre) EWS

Lorena Zocca (S.C. Barbieri) W1

Antonella Incristi (Ki.Co.Sys.Cussigh Bike) W2

Fonte federciclismo.it

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti