Diego Ulissi vince la settima tappa del Giro d'Italia, Alberto Contador soffre ma è sempre maglia rosa

Di GIANCARLO COSTA ,

Diego Ulissi festeggia la vittoria nella tappa di Fiuggi (foto Cyclingnews)
Diego Ulissi festeggia la vittoria nella tappa di Fiuggi (foto Cyclingnews)

Era la tappa più lunga del Giro d'Italia quella che portava i corridori da Grosseto a Fiuggi, 264 km che i corridori hanno percorso in 7h22', grazie anche al forte vento che ha soffiato nella parte centrale della gara. Durante la tappa gli occhi erano puntati sulla maglia rosa, Alberto Contador della Tinkoff, che vittima ieri della caduta a 300 metri dal traguardo si era sublussato la spalla, e la sua continuazione nella corsa rosa era in dubbio. Ha stretto i denti nella seconda parte, daltronde quasi otto ore in bici mettono a dura prova chiunque, figurarsi chi ha una spalla fuori uso. Molta cavalleria nel gruppo, visto che gli altri uomini di classifica non si sono sognati di attaccarlo, consentendogli un recupero attivo in vista della tappa di domani, con arrivo a Campitello Matese , secondo arrivo in salita al Giro d'Italia.

Fuga a 5, con Bandiera dell'Androni Sidermec che di nuovo in fuga, è ora primo nella speciale classifica dedicata a chi fa più chilometri in fuga. I 5 sono stati ripresi a 20 chilometri dal traguardo, da qui i treni delle squadre a tutta, nessuno è riuscito a scattare e quasi tutti i migliori si sono presentati nel vialone di Fiuggi per lo sprint. Ma gli ultimi chilometri ero in leggera me costante salita, quindi i velocisti puri sono stati messi in fuori gioco, nonostante ciclisti come Greipel abbiano tenuto duro fin sul traguardo. Volata lunga, con il trenino della Lampre-Merida che sembra stia lavorando per Sacha Modolo, invece alla fine spunta Diego Ulissi, che aveva le caratteristiche giuste per un percorso del genere, che va a vincere precedendo lo spagnolo Lobato 2°, L'australiano Gerrans 3°, Belletti 4° e Battaglin 5°. Per Diego Ulissi si tratta della quarta vittoria al Giro d'Italia, ed era rientrato da una squalifica di 9 mesi per doping.

Nella classifica generale niente è cambiato, quindi 1° Alberto Contador, 2° Fabio Aru a 2”, 3° Richie Porte a 20”, 4° Roman Kreuziger a 22”, 5° Dario Cataldo a 28”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti