Criterium del Delfinato: vittoria in volata di Phil Bauhaus, De Gendt sempre maglia gialla

Di GIANCARLO COSTA ,

Phil Bauhaus vincitore quinta tappa Criterium del Delfinato (foto bettini cyclingnews)
Phil Bauhaus vincitore quinta tappa Criterium del Delfinato (foto bettini cyclingnews)

La quinta tappa del Criterium del Delfinato con arrivo a Macon, era destinata ad un arrivo in volata e così è stato. Ma è stata una tappa con andamento anomalo, con la maglia gialla di Thomas De Gendt subito all’attacco della prima salita, anche per prendersi i punti per la classifica degli scalatori che potrebbe diventare il suo obbiettivo nei prossimi giorni.
Quindi è partita la fuga di 4 corridori, che hanno toccato un vantaggio massimo sul gruppo principale di 5’20” dopo circa 70 chilometri dei 175 previsti in questa tappa.
A 32 chilometri dall’arrivo il ritardo del gruppo è sceso sotto ai due minuti, ai meno 21 invece è stato abbattuto il muro del minuto: nel frattempo davanti si era rialzato Koen Bouwman, ai meno 18 ha poi ceduto anche Julein El Fares e dai meno 16 è rimasto da solo in testa alla corsa Dylan Van Baarle. L’olandese della Cannondale-Drapac è partito quando aveva solo 35″ sul plotone ed il gap è rimasto invariato fino ai meno 10 quando la spinta degli inseguitori si è fatta insostenibile per un corridore da solo con il vento contrario: Dylan Van Baarle è stato ripreso a sei chilometri dall’arrivo dai treni dei velocisti.

Nella volata ha la meglio a sorpresa il tedesco Phil Bauhaus del Team Sunweb. Alle spalle di Bauhaus è arrivato Arnaud Démare che nella seconda e terza tappa era stato indiscutibilmente il più forte in volata. Terzo gradino del podio per Bryan Coquard con il compagno di squadra Adrien Petit quarto, quinto Nacer Bouhanni e sesto Kristoff. Per gli italiani in gara Enrico Battaglin è nono e Sonny Colbrelli undicesimo.

La classifica generale è rimasta invariata dopo la cronometro di ieri e Thomas De Gendt si godrà ancora un giorno in maglia gialla, in attesa della attesissima tappa di domani con la salita del Mont du Chat, che sarà poi affrontato anche al Tour de France, prima dell’arrivo di La Motte-Servolex.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti