Criterium del Delfinato: sull’Alpe d’Huez vince Peter Kennaugh, Fabio Aru quarto nella generale

Di GIANCARLO COSTA ,

Fabio Aru all'attacco dell'Alpe D'Huez (foto cyclingnews)
Fabio Aru all'attacco dell'Alpe D'Huez (foto cyclingnews)

Era la tappa regina di questo Criterium del Delfinato, la Aoste-Alpe D’Huez, di 168 km con 6 GPM. Dopo i fuochi artificiali di ieri, gliuomini di classifica hanno fatto andare via una fuga corposa e proprio uno dei fuggitivi della prima ora, il britannico Peter Kennaugh della Sky, è andato a trionfare sull’Alpe D’Huez, anche se la salita non è la classica, ma quella del Col de Sarenne, che porta comunque nel finale al traguardo della stazione sciistica francese.
Al traguardo Peter Kennaugh vince solitario in 4h43’59” , seguito da Ben Swift 2° a 13″, Jesús Herrada 3° a 1’11”, Jelle Vanendert 4° a 1’13”, con Romain Bardet 5° a 1’14”, Richie Porte 6° e Jakub Fuglsang 7° a 1’56”, Talansky 8° e Alberto Contador 9° a 2’04”, Fabio Aru 10° e Daniel Martin 11° giungono a 2’13”, Valverde 12°, Meintjes 13°, Buchmann 14° e Froome 15° a 2’19”.

In classifica generale Richie Porte incrementa a 1’02” il vantaggio su Chris Froome 2°, mentre per il terz gradino del podio è lotta in casa Astana tra Jakub Fuglsang 3° a 1’15” e Fabio Aru 4° a 1’41”, con Valverde 5° a 1’43”. La tappa di domani, da Albertville da Plateau de Solaison di 115 km con 4 salite, oltre che assegnare la maglia gialla definiva di questo Delfinato, servira anche per definire le gerarchie in casa Astana, oppure per partire effettivamente con due capitani come Fuglsang e Aru.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti