Coppa del Mondo Mountain Bike in Val di Sole (TN)

Di GIANCARLO COSTA ,

Marco Aurelio Fontana alla Cdm Val di Sole (foto ansa.it)
Marco Aurelio Fontana alla Cdm Val di Sole (foto ansa.it)

Lo scorso week end si è disputata in Val di Sole l'unica tappa italiana del circuito di Coppa del Mondo MTB UCI. Tre le prove in programma; Xcountry Eliminator, X-Country e Downhill.

Xcountry Eliminator

E' la novità di questa stagione di Coppa del Mondo, un esperimento, pare riuscito, messo in piedi dall'UCI per avere una gara e un format spettacolare da portare alle Olimpiadi. In sintesi è una specie di sprint sullo stile dello sci di fondo (che è specialità olimpica) o dello scialpinismo, che vuole questo format proprio per arrivare alle Olimpiadi invernali. Gara sui 4 km, da pedalare a tutta in salita e da guidare in discesa tra salti e paraboliche. Gara atipica che sta già selezionando degli autentici specialisti. I vincitori della tappa in Val di Sole sono stati Alexandra Engen e Daniel Federspiel, che si confermano leader di Coppa del Mondo.

Cross country

La slovena Tanja Zakelj ha vinto solitaria la gara di Cross country femminile. Ha battuto di 20'' la ceca Katerina Nash, con la quale si è alternata in testa prima di staccarla all'ultimo giro, e di 50'' la canadese Emily Batty. Incrementa così il suo vantaggio in classifica generale. Sfortunata l'azzurra Eva Lechner 13a al traguardo, caduta in discesa e poi vittima di una foratura nel secondo giro.

La gara maschile è vissuta sul duello tra lo svizzero Nino Schurter e il francese Julien Absalon, che si è decisa allo sprint a favore del primo. Terzo, a 1'57'', ha concluso il ceko campione olimpico Jaroslav Kulhavy. Settimo l'azzurro e bronzo olimpico Marco Aurelio Fontana, il miglior azzurro in gara in Val di Sole.

Downhill

Gli «Atherton Brothers» domano la «Black Snake» di Daolasa e si aggiudicano con pieno merito la vittoria nelle prove downhill che domenica scorsa hanno chiuso il lungo fine settimana di Coppa del Mondo In Val di Sole. Favoriti alla vigilia, i due fratelli britannici si regalano così un'altra domenica di vittorie, una settimana dopo il duplice trionfo nella gara di casa, a Fort William e su una pista considerata tra le più difficili del panorama internazionale.

Nella discesa maschile Gee Atherton, dopo aver fatto segnare il miglior tempo già nelle qualificazioni, è sceso sulla «Black Snake» con l'ottimo tempo di 3'12”, non sbagliando praticamente nulla e facendo segnare i migliori parziali in entrambi gli intertempi. Alle sue spalle, distanziato di un secondo, il canadese Steve Smith, con il campione mondiale in carica, il sudafricano Greg Minnaar, a completare il podio. Migliore degli italiani, il valdostano Lorenzo Suding, 16° a 9”895 dal vincitore.

Ben più netta la vittoria di Rachel Atherton nella gara femminile. La britannica, scesa per ultima in virtù del miglior tempo nelle qualifiche di venerdì, ha stracciato la concorrenza delle francesi rifilando 5” a Emmeline Ragot e ben 12” Florian Pugin, con le altre due transalpine Morgane Charre e Myriam Nicole al quarto e al quinto posto. L'unica azzurra in gara, la 21enne emiliana Alia Marcellini, ha chiuso al 15° posto a 41” dalla vincitrice.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti