Coppa del Mondo Ciclocross: a Fiuggi vittorie di Marianne Voss e Van Aert, Eva Lechner quinta

Di GIANCARLO COSTA ,

La fuoriclasse Marianne Voss vincitrice a Fiuggi (foto uci)
La fuoriclasse Marianne Voss vincitrice a Fiuggi (foto uci)

Su un percorso che aveva tutte le componenti del ciclocross, e forse qualcosa di più, tra fango, ghiaccio, salite e discese in contropendenza, con cadute e scivolate di quasi tutti i concorrenti, si è disputata la prova di Coppa del Mondo di ciclocross a Fiuggi nel Lazio.

E per onorare questo clima nordico, che comunque è anche normale inverno sugli Appennini, è arrivata la più forte ciclista di tutti i tempi in campo femminile: Marianne Voss. La fuoriclasse olandese fin dal primo giro è riuscita ad imporre un ritmo di gran lunga superiore a quello di tutte le altre atlete, stroncando la concorrenza sul ritmo,una volta superata la bagarre del primo giro. Nelle fasi iniziali di corsa è stata Eva Lechner a cercare di inseguirla, ma l’altoatesina, dopo un’ottima partenza, negli ultimi giri ha dovuto cedere il passo alle avversarie. In seconda posizione, sul podio, sale Katerina Nash, mentre al terzo posto c’è Sophie De Boer. Annemarie Worst, quarta e prima Under 23 all’arrivo, riesce a superare Eva Lechner, la quale chiude in quinta posizione. Tra le prime dieci al traguardo figura anche l’azzurra Chiara Teocchi, campionessa europea, che è anche quarta nella categoria Under 23. Buone prove anche per Sara Casasola, 16a all’arrivo, e per Francesca Baroni, 25a. Entrambe le ragazze sono ancora nella categoria Juniores, 28a posizione per Alessia Bulleri, 37a per Nicole Fede, 41a per Silvia Persico. Si è dovuta ritirare per una caduta Alice Maria Arzuffi, allarme per fortuna rientrato dopo gli accertamenti in ospedale.

Gara maschile

E’ stato il belga campione del mondo Wout Van Aert a dominare la gara di Fiuggi, anche perché è mancato il solito duello con l’olandese Mathieu Van Der Poel, che ha rinunciato alla trasferta italiana. Con questo successo Van Aert ha conquistato i punti necessari per la matematica vittoria della Coppa, a una prova dalla conclusione. Alle sue spalle il tedesco Meisen, unico capace a inserirsi nel dominio belga visto che alle sue spalle sono finiti Meeusen, Pauwels, Merlier, Vanthorenhout e Vantornout. Primo italiano Luca Braidot, arrivato 20°.

Gara Under23

Ma è stata la gara Under23 ad esaltare l’Italia del Ciclocross, con la grande prova di Gioele Bertolini. Il campione italiano di ciclocross è stato attardato da un incidente in partenza ed è stato costretto ad inseguire per tutta la gara rimontando posizioni su posizioni e arrivando comunque a lottare per la vittoria. Vittoria che è andata all’olandese Joris Nieuwenhuis, leader della classifica Telenet Uci Cyclocross World Cup, mentre Gioele Bertolini chiude sul secondo gradino del podio, terzo Hermans.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti