Contromano: la Torino a due ruote in un documentario crowdfunded

Di EMANUELE ZANGARINI ,

Contromano
Contromano

È agli sgoccioli la campagna di crowd-funding del documentario Contromano di Stefano Gabbiani. Il regista, nato e cresciuto a Torino, narra la trasformazione di quella che fu la città della fabbrica e dell'automobile in un laboratorio di piccole officine meccaniche che riparano le biciclette attraverso lo sguardo intimistico dei proprietari, sognatori con le mani sporche di grasso.

Chi frequenta il capoluogo piemontese avrà notato in questi anni il moltiplicarsi delle due ruote, la creazione di piste ciclabili, il diffondersi delle bici gialle del bike sharing comunale andare di pari passo con la riconversione della città industriale ad opera del comune - si pensi ai centri culturali come la Cascina Roccafranca nati nel cuore del quartiere che ospitò l'immigrazione operaia - ma soprattutto dei cittadini che hanno saputo raccogliere la sfida di una città in cambiamento.

È un cambiamento di paradigma quello che espongono con l'azione gli artigiani che compaiono in Contromano: personalità diverse le una dalle altre ma con l'obiettivo comune di realizzarsi personalmente e regalare ai propri figli una città più a misura d'uomo di quella che hanno trovato.

Guarda il trailer

Per saperne di più

  • Curo le rubriche di ambiente, energia, della ciclabilità e della mobilità sostenibile di bici.tv e outdoorpassion.it. Seguo la parte tecnico-informatica di Outdoor Passion dal 2007 quando portava il nome di Sport Communities. Twitter: @emazangarini Facebook: emanuele.zangarini



Può interessarti