La Classicissima Sanremo-Sanremo rovinata dal maltempo

Di GIANCARLO COSTA ,

Mirko Iride vince la Sanremo Sanremo (foto play full)
Mirko Iride vince la Sanremo Sanremo (foto play full)

La pioggia e il vento freddo hanno messo i bastoni tra le ruote alla Granfondo Sanremo Sanremo. 290 i partenti sui 400 iscritti. Iride e Bennato si lanciano in una cronocoppie. Olga Cappiello vince tra le donne. La Ciclistica Ospedaletti vince tra le società. Entusiasmante l'arrivo in via Roma.

Tanta pioggia e tanto freddo hanno caratterizzato questa edizione della Granfondo Sanremo Sanremo "La Classicissima", che ha preso il via domenica 22 marzo alle 8.30 dal lungomare di Sanremo.

L'idea di associare la manifestazione amatoriale a quella dei professionisti, sicuramente è stata accattivante, purtroppo però l'incompatibilità logistica delle due manifestazioni ha creato qualche problema alla granfondo, tra cui l'annullamento dell'ascesa alla Cipressa in quanto il Prefetto non ha rilasciato il permesso di transito.

Un percorso che, con il sole, regalerebbe scorci paesaggistici senza pari, ma che la pioggia ha offuscato celandoli agli occhi dei partecipanti.

Lasciata Sanremo il gruppo si è diretto a velocità turistica verso Imperia, costeggiando il mare sulla splendida litoranea.

A Imperia, dopo il passaggio attraverso il caratteristico centro, si è presa la Strada Statale del Colle di Nava dove è stato dato il via volante. La corsa parte subito di gran carriera, forse più per scaldarsi che non per il mero agonismo.

Dopo pochi chilometri, passato il centro di Pontedassio, ecco la prima salita di giornata: l'ascesa a Chiusanico dal versante di Gazzelli. Le prime rampe favoriscono l'azione decisiva. Mirko Iride aumenta il passo e alla sua ruota si aggancia Nicola Bennato. Dopo poche pedalate subito si intuisce l'andamento che avrà la corsa; il passo dei due battistrada e ben superiore al gruppo che insegue. Al Colle di San Bartolomeo il gap è già di un minuto e mezzo e i due non sembrano certo volere mollare.

La discesa verso Caravonica aiuta i fuggitivi che riescono ancora a guadagnare del margine, che sapranno ben gestire sulla via del ritorno. Ormai non resta che capire se il Poggio farà la differenza o si dovrà assistere ad una volata al fulmicotone in via Roma.

Mancano 10 chilometri all'arrivo quando il personale di servizio segnala la svolta verso il Poggio. Poche decine di metri e Iride lancia il suo attacco. Aumenta il passo, che diventa insostenibile per il suo compagno di fuga, al quale non resta che salire con il proprio passo gestendo il vantaggio acquisito sul gruppo inseguitore.

Dopo 3ore 8' 11" Mirko Iride taglia il traguardo con le mani al cielo, passando sotto lo striscione montato per l'arrivo del professionisti della Milano-Sanremo. Si deve attendere 1'16" per vedere giungere Nicola Bennato. Arrivo in volata per Flavio Ginestra, che sale così sul terzo gradino del podio.

Tra le donne è la torinese Olga Cappiello che si mette in testa alla corsa rosa fin dalle prime battute, chiudendo la sua prestazione vincente dopo 3ore 23' 24". Dietro di lei giungono Michela Menegon e Patrizia Ippolito.

Tra le società, la vittoria va alla Ciclistica Ospedaletti. Sale sul secondo gradino del podio la Ciclistica Bordighera, mentre ai Cinghiali Mannari va la medaglia di bronzo.

«Ci è sembrata una bella idea far partire gli amatori nello stesso giorno della Milano-Sanremo per fare condividere loro l'emozione dell'arrivo in via Roma allestita per i professionisti – spiega Fabrizio Fusini, organizzatore della manifestazione – Purtroppo però, negli ultimi giorni, ci siamo resi conto che le due manifestazioni non sono compatibili. La prima doccia fredda è stata la revoca del permesso di transito sulla Cipressa, a cui abbiamo dovuto rinunciare. Purtroppo il maltempo non ha certo aiutato, riducendo di conseguenza il numero di iscritti e il numero dei partenti.»

«Un doveroso ringraziamento va all'amministrazione comunale e al comando di Polizia Locale per il prezioso supporto – continua Fusini - . Ringrazio anche tutte le amministrazioni dei comuni attraversati e i numerosi volontari impegnati, sotto la pioggia, per garantire la sicurezza degli atleti.»

«Non mi resta che dare a tutti l'arrivederci alla prossima edizione – dichiara Fusini – che sicuramente non sarà più la domenica della Milano-Sanremo, ma più probabilmente il sabato precedente con l'arrivo al Poggio per evitare il caos cittadino.»

CLASSIFICA MASCHILE

1. Mirko Iride (Ciclistica Bordighera); 03:08:12; 34,61km/h

2. Nicola Bennato (Team Oliveto Associazione Sportiva Dilettantistica); 03:09:28; 34,3km/h

3. Flavio Ginestra (); 03:12:30; 33,87km/h

4. Marco Lanteri (Sanremo Bici); 03:12:31; 33,66km/h

5. Marcello Lanzo (Ciclistica Bordighera); 03:12:46; 33,77km/h

6. Ottavio Nattero (Team Ennebi Bike); 03:13:40; 33,56km/h

7. Giacomo Giordano (Asd Cicli Giordano); 03:16:12; 33,04km/h

8. Roberto Cenci (Sc Vigor Cycling Team); 03:16:13; 33,07km/h

9. Marco Milidona (Ciclistica Bordighera); 03:16:13; 33,16km/h

10. Alessandro Calderone (Ciclistica Bordighera); 03:16:14; 33,22km/h

CLASSIFICA FEMMINILE

1. Olga Cappiello (Team De Rosa Santini); 03:23:25; 31,91km/h

2. Michela Menegon (G.C. Val Di Merse); 03:34:08; 30,26km/h

3. Patrizia Ippolito (Bepink Laclassica Squadra Corse); 03:45:39; 28,83km/h

4. Nadia Battaglino (Asd Gs Passatore); 03:52:05; 27,92km/h

Fonte Play Full

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti