Campionati Europei di Ciclocross: vincono i padroni di casa Mathieu Van der Poel e Annemarie Worst

Di GIANCARLO COSTA ,

Mathieu Van der Poel campione europeo di ciclocross (foto bettini cyclingnews) (1)
Mathieu Van der Poel campione europeo di ciclocross (foto bettini cyclingnews) (1)

Gli olandesi sfiorano l’en plein agli Europei di casa di S-Hertogenbosch. Ai corridori orange sfugge soltanto il titolo degli uomini under 23 conquistato dal britannico Thomas Pidcock, che si prende la rivincita sul belga Eli Iserbyt campione nel 2017. Nella categoria élite si conferma il fuoriclasse olandese Mathieu Van der Poel che mette in fila i due belgi Wout Van Aert e Laurens Sweeck. Non si aspettavano miracoli da Gioele Bertolini, unico italiano presente nella categoria, diciottesimo al traguardo a 3’20” dal vincitore.

Speranze di medaglia si covavano invece nella gara delle donne élite con Alice Maria Arzuffi, protagonista di ottime prove in Coppa del Mondo. L’azzurra non è riuscita ad arginare la strapotenza delle signore di casa, che si sono date battaglia dal primo all’ultimo metro monopolizzando il podio con Annemarie Worst (Ola) in 40’24”; Marianne Vos a 2”;3. Denise Betsema a 2”. Il settimo posto di Alice Maria a 1’08” è tutt’altro che modesto considerato il livello della gara, così come il 17° di Rebecca Gariboldi, che ha tenuto botta con rivali di grosso spessore.

La giornata era cominciata con l’affermazione del giovane olandese Pin Ronhaar nella gara juniores. Sul podio i belgi Witse Meeussen, secondo a 14”, e Thibaud Nys (Bel), terzo a 21”. Il migliore degli azzurrini Davide Toneatti, 22° a 2’29”, seguito da Emanuele Huez 30° a 2’47” e da Alessandro Verre, 46° a 3’56”.
Il festival olnadese continua con la tripletta nella gara donne under 23. Il titolo premia Ceylin Del Carmen Alvarado, classe 1998 originaria della Repubblica Dominicana, residente a Rotterdam. Alle sue spalle le connazionali Inge Van Der Heijden e Fleur Nagengas.

Buona difesa della friulana Sara Casasola, che chiude in settima posizione a 1’55” dalla vincitrice. Al 13° posto la toscana Francesca Baroni, 18° posto alla corregionale Gaia Realini e 26° posto alla bergamasca Silvia Persico.
Nella gara degli uomini under 23, come anticipato, il britannico Thomas Pidcock rompe la serie orange imponendosi al belga Eli Iserbyt e al francese Antoine Benoist. Chiude in 14^ posizione Jakob Dorigoni, a 1’57” da Pidcock, 28° il laziale Antonio Folcarelli a 3’40”.

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti