Bike Transalp: tappa Mezzana - Trento

Di GIANCARLO COSTA ,

L'arrivo a Trento di Cattaneo e Longo (foto Newspower)
L'arrivo a Trento di Cattaneo e Longo (foto Newspower)

“Amare la vita attraverso la fatica è penetrarne il segreto più profondo” scrisse Khalil Gibran, e gli atleti della Bike Transalp sanno di cosa il poeta libanese stesse parlando, la mirabile traversata delle Alpi in mountain bike è giunta oggi a Trento, penultimo step prima del finale di Arco (TN).

I bikers sono arrivati in Piazza Fiera a Trento dopo esser partiti da Mezzana, portando a compimento gli 88.24 km e 2.364 metri di dislivello che li separavano dall’arrivo nella “città dei tre denti”. I pedalatori si sono messi alla prova fra Val di Sole, Val di Non ed Altopiano della Paganella, cimentandosi nella spettacolare e difficoltosa salita del Passo Le Fraine, proseguendo nella cavalcata sugli sterrati dolomitici e giungendo a Trento in Piazza Fiera visibilmente stanchi ma soddisfatti dell’‘impresa’ compiuta.

Chi ha gioito più di tutti è stato un team 100% italiano, ovvero il duo composto dal bergamasco Johnny Cattaneo e dal trentino Tony Longo, abili ad imporsi con forza e destrezza sui quattro ‘centurioni’ del Centurion Vaude 1 e 2, appaiati alla finish line, rispettivamente con i leader di classifica Hermann Pernsteiner e Daniel Geismayr ed i tedeschi Markus Kaufmann e Jochen Käß, i quali si sono detti sorpresi di come gli italiani abbiano saputo recuperare in fretta le energie ‘rigenerandosi’ dagli sforzi profusi. Il sole trentino, poi trasformatosi in pioggia, ha illuminato i volti dei vincitori, con Tony Longo ad aggiudicarsi la sfida sulle strade di casa: “La tappa è stata magnifica, essendo trentino tenevo particolarmente a far bene nella mia terra, siamo felicissimi anche perché abbiamo agguantato il terzo posto assoluto, un risultato importante, una vittoria di tappa, abbiamo iniziato non molto bene perché Johnny (Cattaneo ndr – il compagno di squadra) non era nelle migliori condizioni per gareggiare.

Quella di domani sarà una tappa corta ma impegnativa, dopo sette giorni non è facile, io sto molto bene, ho visto che gli altri fanno un po’ più fatica quindi tentiamo il bis anche domani.” Cattaneo concorda con il compagno: “Sapevamo che era una tappa molto ‘nervosa’, però si addiceva alle mie caratteristiche, abbiamo provato ad attaccare ed è andata bene, siamo vicini a casa e siamo contenti di quanto ottenuto”. Soddisfatti anche i leader di classifica Hermann Pernsteiner e Daniel Geismayr, i quali hanno ‘controllato’ e mantenuto saldo il proprio margine di classifica sui diretti inseguitori: “Non abbiamo voluto correre rischi ed abbiamo fatto bene, ora abbiamo un buon gap, domani l’ultimo sforzo, speriamo di poter difendere il nostro vantaggio e vincere quest’edizione della Bike Transalp, oggi in Trentino ci siamo divertiti molto, il tracciato era molto tecnico e spettacolare”.

Le donne si sono battute come meglio potevano, con le leader di classifica Sarah Reiners e Cemile Trommer nuovamente a primeggiare: “Questa volta è stata durissima per noi, abbiamo dato tutto ciò che avevamo, eravamo veramente al limite. Non abbiamo visto le nostre dirette avversarie, ma arrivare prime per noi è stato sorprendente, tutti sono stanchi ma cercheremo di portare a termine la nostra ‘missione’ concludendo con titolo ed ultima tappa.” Seconda posizione per le svizzere Sabina Compassi e Melanie Alexander, mentre in terza posizione si piazza l’atleta ‘di casa’ Lorenza Menapace assieme alla collega britannica Elizabeth Simpson: “Abbiamo regolarizzato la nostra terza posizione, oggi è stato bello arrivare in centro città, sono molto emozionata”. Come britannico è il successo nella competizione ‘mista’, con Sally Bigham e Ben Thomas a dare un’ulteriore soddisfazione ai propri connazionali. Vittoria Master a Massimo Debertolis e Andreas Laner, Gran Master alla ‘strana coppia’ formata dal germanico Thorsten Damm e dallo sloveno Peter Vesel.

Un nuovo successo organizzativo, dunque, dopo “La Leggendaria Charly Gaul”, la cronometro di Cavedine e “La Moserissima” che hanno impegnato i ciclisti su strada la scorsa settimana, è ora toccato ai bikers destreggiarsi, con l’arrivo di tappa trentino della Bike Transalp powered by Sigma allestito dall’ApT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi grazie alla collaborazione di Cavit, Dolomiti Energia, Cassa Rurale di Trento e Casse Rurali Trentine, regalando a tutti gli spettatori una sfilata di corridori di alto livello, non ancora conclusa, poiché tutti i top riders verranno celebrati con le premiazioni di rito alle ore 18 a Trento Fiere.

Fonte Newspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti