Bike Transalp dal 17 al 23 luglio attraverso le Alpi

Di GIANCARLO COSTA ,

Mensi Hofer Bike Transalp (foto Newspower)
Mensi Hofer Bike Transalp (foto Newspower)

Sette tappe giornaliere: Imst, Nauders, Scuol, Livigno, Bormio, Mezzana, Trento ed Arco, 519.51 chilometri e un dislivello di 17.751 metri, 1.200 partecipanti provenienti da 40 nazioni, 150 fra organizzatori e volontari, è la diciannovesima edizione della Bike Transalp, un evento unico nel panorama delle ruote grasse.
Manca solamente un mese all’arrivo dei bikers in quel di Trento, uno degli scenari più accattivanti offerti dalla maratona a tappe riservata a squadre di due atleti suddivisi in più categorie: donne, uomini, ‘mixed’, master per un ‘totale’ di anni fra i due componenti che deve obbligatoriamente superare gli ottanta, e senior master con un totale di oltre cent’anni.

Nata nel 1998, la Bike Transalp si è fin da subito confermata come una sfida molto selettiva che permette di ammirare alcuni fra i paesaggi più spettacolari delle Alpi, portando gli atleti al limite delle proprie capacità. Le ‘battaglie’ che i protagonisti dovranno affrontare saranno giornaliere, ma essi avranno anche la possibilità unica di ammirare valichi alpini ancora imbiancati, affrontare tutte le situazioni climatiche possibili ed immaginabili, essere in assoluta simbiosi con la natura e con la fatica, superando assieme gli ostacoli, incoraggiandosi pedalata dopo pedalata, ed arrivando in Trentino non ancora domi e pronti per lo sprint finale.
In quest’edizione la Bike Transalp non partirà dalla Germania come in passato, ma dall’Austria, precisamente da Imst, in Tirolo. Dopodiché si macineranno letteralmente chilometri, oltre 500 con un dislivello altimetrico a dir poco poderoso. Da Imst gli artisti delle ruote grasse si fermeranno a Nauders, prima di varcare il confine svizzero giungendo a Scuol, nel Cantone dei Grigioni, il più grande ed il più orientale dei ventisei cantoni della Svizzera, nonché l’unico ufficialmente trilingue. Già al termine della terza giornata si arriverà nel Belpaese, a Livigno, ove la corsa resterà anche il giorno successivo visto il quarto arrivo posizionato a Bormio. Il quinto giorno il contest sui pedali scenderà a Mezzana in Trentino, con arrivo previsto nel centro della nota località turistica di Marilleva 900 a partire dalle ore 13, quindi il 22 luglio farà tappa a Trento per un totale di 88.15 km e 2363 metri di dislivello percorsi, lungo un itinerario che si snoda fra la bassa Val di Sole, la bassa Val di Non e l’Altopiano della Paganella, con la spettacolare e tecnicissima ascesa verso il Passo Le Fraine appuntamento d’élite per gli appassionati. Il gran finale, dopo tanti anni, non sarà più a Riva del Garda ma nella cittadina di Arco a far sfoggio del suo mirabile castello.

Per l’occasione, l’ApT Trento, Monte Bondone, Valle dei Laghi ha preparato l’arrivo di tappa a Trento in grande stile, in Piazza Fiera ci sarà l’area Expo mentre a Trento Fiere verrà allestito il pasta party, a saziare i bikers dopo le numerose fatiche sul pedale e a premiare i migliori alle ore 18. Tutto questo è reso possibile anche grazie al supporto di Cavit, Dolomiti Energia, Cassa Rurale di Trento, Cassa Centrale Banca. Le iscrizioni per essere fra i protagonisti dell’evento sono aperte, per informazioni nel dettaglio consultare il sito web www.bike-transalp.de, a disposizione in lingua tedesca ed inglese.

Le 7 tappe nel dettaglio:
17 luglio: Imst - Nauders
18 luglio: Nauders - Scuol
19 luglio: Scuol - Livigno
20 luglio: Livigno - Bormio
21 luglio: Bormio - Mezzana
22 luglio: Mezzana - TRENTO
23 luglio: TRENTO – Arco

FonteNewspower

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti