A Barletta tappa finale del Giro Italia Ciclocross: maglie rosa per Folcarelli, Bulleri e Conca

Di GIANCARLO COSTA ,

Cristian Cominelli  vincitore a Barletta (foto organizzazione)
Cristian Cominelli vincitore a Barletta (foto organizzazione)

Uno scenario storico importante, il Castello Normanno Svevo di Barletta, ha ospitato l’ultima gara del Giro Italia Ciclocross. Dopo cinque prove, la città pugliese ha decretato gli ultimi responsi delle varie classifiche generali del GIC, esaltando i vincitori finali. Questo bellissimo scenario ha ospitato anche un pubblico importante, che non è voluto mancare ad applaudire tutti i partecipanti. La gara è stata organizzata dal Team Eurobike in collaborazione con l'Asd Romano Scotti.

La gara Open maschile non ha atteso le aspettative della vigilia: Antonio Folcarelli (Race Mountain Folcarelli), Cristian Cominelli (Prd Sport Factory Team) e Stefano Capponi (Pro Bike Riding Team) hanno affrontato questa gara raccolti in 25 punti in classifica generale, quindi tutti e tre sono partiti con la possibilità di conquistare la maglia rosa. Cominelli è stato molto abile portarsi in prima posizione fin dai primi metri, incrementando il proprio vantaggio con il passare dei giri. Alle sue spalle Folcarelli sembrava avere il colpo di pedale giusto per mantenersi da solo alle spalle della testa della corsa, ma a metà gara il corridore laziale viene ripreso da Capponi e da Matteo Vidoni (Velociraptors): i tre procedono di pari passo senza attacchi importanti, con Cominelli che ne ha approfittato per incrementare il proprio vantaggio e per vincere la terza gara su sei in questo GIC. A pochi metri dal traguardo Folcarelli ha aumentato il proprio ritmo ed è riuscito a distanziare Vidoni, ma non Capponi, che chiude secondo. Il terzo posto permette ad Antonio Folcarelli di conquistare la vittoria finale del Giro Italia Ciclocross: il laziale chiude con 127 punti, Cominelli con 125 e Capponi con 106. Il corridore della Race Mountain Folcarelli veste anche la maglia bianca di miglior giovane.

La classifica Open femminile ha visto l’ulteriore sigillo di Alessia Bulleri (Trentino Cross Giant), già sicura del successo finale in classifica generale. L’elbana ha conquistato la prima posizione nel primo giro, con Nicole Fede (Valcar PBM) e Sara Casasola (Trentino Cross Giant) alle sue spalle. A circa metà gara la Bulleri riesce a distanziare le avversarie, con la Fede che deve pagare qualcosa rispetto alla Casasola. Alessia Bulleri ottiene la sua terza vittoria di tappa in questa edizione del GIC, con Sara Casasola che chiude alle sue spalle. Nicole Fede, terza, conquista la maglia bianca di miglior giovane.

Bellissima è stata la gara Juniores, che ha visto lo strapotere di Federico Ceolin (Velociraptors): Loris Conca (Biringhello) si è mantenuto alle spalle del proprio avversario insieme a Marco Pavan (Cadrezzate Guerciotti), il quale, nel finale, conquista la seconda posizione alle spalle del vincitore Ceolin. Conca. che sale sul terzo gradino del podio, ottiene la maglia rosa di categoria.

Fonte Ufficio Stampa GIC

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa

Commenta l'articolo su Twitter...

Può interessarti