Alberto Contador continua ad investire sulle giovani promesse con la “rh+ Polartec Team Fundacion Contador"

Di GIANCARLO COSTA ,

Contador Fondation (foto Alessandro Trovati)
Contador Fondation (foto Alessandro Trovati)

Il fuoriclasse spagnolo Alberto Contador è noto per molte cose: le sue capacità in bicicletta di superare le avversità e più di recente il suo generoso impegno nel sostenere e ingaggiare i campioni del futuro.
Con l'intenzione di aggiungere altri altleti alla “rh+ Polartec Team Fundacion Contador [U23 e Junior]” e in funzione di creare un futuro team professionale, il 2017 sembra che sarà un anno molto impegnativo per lui.
Con l'appoggio di Polartec uno degli sponsor della Fondazione, che in questo senso lavora fianco a fianco con il campione spagnolo.

- La squadra U23 è giunta alla sua terza stagione, sei soddisfatto dei risultati?
“La squadra U23 ha iniziato alla grande quest'anno. Abbiamo ottenuto buoni risultati nei campionati nazionali di corsa su strada in Spagna dove diversi riders hanno ottenuto la leadership provvisoria e abbiamo continuato a vincere la classifica a squadre, che era uno dei nostri obiettivi. E' vero che singolarmente, in alcune delle ultime gare, non abbiamo raggiunto i risultati attesi, però siamo tornati con una prestazione degna della Valle d'Aosta. Speriamo che la squadra continui su questa strada fino alla fine dell'anno. A conti fatti, la prestazione della squadra in questa stagione è stata la
sua migliore di sempre”.

- Per quanto riguarda la squadra Junior? Sta ottenendo buoni risultati?
Risponde Fran Contador, fratello maggiore di Contador e manager: "Le performance continuano ad essere buone, siamo la squadra leader di categoria in Spagna. Abbiamo ottenuto buoni risultati e sono molto contento di come è andata la stagione. Questa categoria è dedicata al training e l'obiettivo è quello di far passare di categoria le giovani leve. Siamo sicuri che anche quest'anno avremo formato alcuni atleti di qualità in grado di continuare nella categoria superiore, la U23”.

- Quindi il team Junior continuerà ad essere l'unica fonte di approvvigionamento per la squadra U23?
“Il piano è che la squadra Junior continuerà a fornire i loro migliori atleti al team U23. Però l'anno prossimo – come abbiamo fatto nella prima stagione - ci sarà anche la possibilità di iscrivere corridori da altre squadre. Il motivo è che, dopo tre stagioni, la nostra squadra U23 è ancora molto giovane. Abbiamo bisogno di una squadra più matura, con atleti che ci permetteranno di partecipare ad alcune gare con maggiori garanzie. Per il 2017 cercheremo atleti dalla squadra spagnola Under 23 che riteniamo si adattino al modo di lavorare della Fondazione Alberto Contador” .

- La squadra Junior è ancora un traguardo importante per approdare nella prestigiosa U23. Come si fa ad essere selezionati?
“Lo Junior Selection Camp è il viatico per far parte delle squadre della Fondazione. Quest'anno andrà in scena nuovamente a Saragozza, il 23, 24 e 25 settembre con un formato collaudato e sponsorizzato dalla catena di ristoranti “La Mafia se sienta a la mesa”. Selezioneremo i ciclisti per le loro prestazioni atletiche, le qualità personali e quelle che riteniamo siano funzionali alla Fondazione Alberto Contador e allo Junior Team.”

- Quanti raider state cercando?
“Siamo alla ricerca di circa 15 nuovi corridori e offriremo loro molte opportunità, senza sovraccaricare il loro calendario. Ci sarà anche da reclutare un altro direttore sportivo per sostenere l'enorme mole di lavoro di Rafael Diaz Juso. Ma le novità non finiscono qui, ce ne saranno altre il prossimo anno.
Per maggiori informazioni sul concorso #FollowContador vista il sito
www.followcontador.com

Articolo Publiredazionale

  • Giornalista pubblicista dal 2004. Direttore responsabile della testata Sport Communities per i siti outdoorpassion.it runningpassion.it snowpassion.it mtbpassion.it dal 2009 al 2015. Proprietario, responsabile editoriale e autore di outdoorpassion.it, runningpassion.it, snowpassion.it, bici.tv dal 2016. Collaboratore della rivista SNOWBOARDER MAGAZINE dal 1996 al 1999 per la realizzazione di articoli sul backcountry, cioè snowboard­alpinismo. Collaboratore della rivista ON BOARD nel 2000 per realizzazione di articoli sul backcountry Responsabile tecnico della rivista BACKCOUNTRY nel 2001. Responsabile tecnico della rivista MONTAGNARD dal 2002, Giornalista Pubblicista dal 2004 Autore, Responsabile Tecnico e Proprietario della rivista MONTAGNARD FREE PRESS dal 2004 al 2006. Collaboratore della rivista MADE FOR SPORT (DOGMA srl) nel 2006. Collaboratore della rivista ALP da 2007 al 2010. Collaboratore del sito www.snowboardplanet.it nel 2007. Facebook: Giancarlo Costa



Può interessarti