24H Mtb Italian Challenge: ultimo atto, Roma!

Di EMANUELE IANNARILLI ,

tramonto
tramonto

10 mesi da quando intorno ad un tavolo del nord Italia nasceva tra buoni propositi e qualche dubbio il nuovo circuito endurance italiano ripercorrendo la strada segnata dalla Cup che aveva bisogno di rinnovamento e nuova linfa. La strada fatta è stata impegnativa ma soddisfacente, certamente migliorabile ma con buone prospettive ed idee per la prossima stagione. A concludere il cammino della “congrega dei sartori” ci sarà Roma. Imbastita la tela e tessuta la linea passante dalla Sicilia fino a Cremona, facendo tappa a Stevenà e Finale Ligure, il penultimo punto di congiuntura della 24 ore della Serenissima a Barbarano Vicentino e il gran finale, Roma, la città eterna che con il suo Parco degli acquedotti ospiterà solitari e team, 1000 le iscrizione già pervenute, che si giocheranno gli ultimi punti per aggiudicarsi lo scettro del 24H Mtb Italian Challenge. Edizione rinnovata alla 24 ore romana. Claudio Vettorel, deus ex machina del team organizzativo ha trovato un luogo più consono per la logistica della manifestazione e cioè il Circolo Tennistico Garden nel settimo assessorato romano che patrocina l'evento. La grande atmosfera del mega Parco farà da cornice a 24 ore di grandi sacrifici e grandi pedalate, narrate e raccontate tra un arco romano e un vecchio acquedotto passando tra pietre storiche che ricordano il grandissimo periodo dell'impero romano. Storia e spettacolo dunque, vecchie figure “mitologiche” si aggireranno sul percorso a ricordare quello che da tutto il mondo era considerato il più grande impero della storia. Gladiatori e legionari, scudi ed elmi faranno da contorno folkloristico ai biker che verranno appunto premiati con oggetti facenti parte di quella storia, di quell'impero tanto temuto. Un Elmo, l'Elmo dell'Imperatore, porteranno a casa i componenti del team vincitore e lo Scudo del Legionario andrà a premiare il team più numeroso.

Grande novità di questa edizione sarà una categoria totalmente dedicata alle e-bike nuovo fenomeno che sta letteralmente spopolando tra le file di quei biker che hanno nel dna la mtb ma che magari per svariate ragioni preferiscono farsi assistere da un motore elettrico per pedalare meno faticosamente. 6 ore o 24, la scelta è personale, ma occhio alla batteria...potreste dover davvero pedalare dopo qualche ora.

La sei ore “tradizionale” invece sarà riservata solo ai solitari e partirà alle ore 12 del 13 settembre insieme alla 24 ore. Ad allietare le ore sui pedali a Roma ci penserà Elio Proch, che torna a Roma come voce ufficiale dell'endurance italiano. Presente a quasi tutte le tappe del circuito Elio ha ormai una grande esperienza di gare endurance e la metterà a disposizione del c.o e di tutti i biker che conosce quasi ad uno ad uno ormai. Alla fine dell'evento sempre nella zona logistica della manifestazione si terranno le premiazioni finali del Challenge, che assegnerà a Roma gli ultimi punti disponibili per entrare in classifica e provare a spuntarla.

Il proverbio narra: “Tutte le strade portano a Roma...” allora scegliete la vostra e dirigete la vostra auto verso cinecittà quartiere “cinematografico” romano che vi ospiterà per un lungo weekend di fatica e divertimento all'insegna di un'atmosfera incredibile e giochi di luce che ricordano tempi gloriosi di battaglie, guerre e vittorie.

Di Emanuele Iannarilli - Uff. Stampa 24h Mtb Italian Challenge

  • Appassionato di sport estremi in particolare Mtb, Surf, Snowboard. Ha collaborato con Pianetamtb.it per la stesura di articoli e report per le maggiori granfondo off-road italiane e gare a tappe internazionali. Responsabile comunicazione Challenge 24mtb 2013/2014. Atleta endurance con partecipazione a gare internazionali, marathon, granfondo, gare a tappe. Responsabile comunicazione di alcune granfondo nazionali e collaboratore per alcuni brand off-road per test materiali, prova nuova prodotti. Blogger e responsabile comunicazione Bike Action Team.



Può interessarti