24 ore della Serenissima: Il team Telethon & Sportler “batte cassa”

Di EMANUELE IANNARILLI ,

Premiazioni team 8.jpg
Premiazioni team 8.jpg

Proprio così, forse per la prima volta nella storia dell'endurance un team partecipante “batte cassa” all'Adventure & bike Team, organizzatori dell'evento. Gli accordi sono accordi e come tali vanno rispettati. Ma perchè i componenti del team da 8 Telethon & Sportler hanno diritto ad essere “pagati”?

Tutto nasce qualche settimana prima dell'evento, dalla collaborazione appunto di alcuni rappresentanti di telethon, Sportler uno dei maggiori sponsor della manifestazione e l'Adventure & Bike team, che ovviamente raccoglie immediatamente l'invito e ne plasma la fattibilità. La “scommessa” se così si può chiamare è che il comitato appunto, avrebbe pagato al team 1 euro per ogni chilometro percorso durante la 24 ore della Serenissima e che tale ricavato sarebbe ovviamente andato in beneficenza a Telethon che tanto si prodiga nel campo della ricerca delle malattie genetiche finanziando e proponendo sia ricercatori che comitati di ricerca su una miriade di progetti finalizzati alla prevenzione delle malattie genetiche, la cura e la causa. Insomma proprio una 24 ore “geneticamente modificata” quella del team Telethon & Sportler che ha pensato bene di inserire una “moto” all'interno dei proprio 8 componenti facendogli macinare giri su giri e portando ovviamente in cascina chilometri importanti da trasformare in denaro.

Ah, chi è la “moto”? Nicholas Pettinà del gruppo forestale che oltre ad ottenere il tempo migliore sul giro ha percorso niente poco di meno che 103 chilometri. Insomma non si è proprio tirato indietro pedalando giorno e notte per un'ottima causa. Che poi questo sia anche servito per ottenere alla Dolomiti Superbike un nono posto assoluto, proprio lui che di marathon non ne “mastica” poi così tante allora potremmo quasi dire che forse Nicholas potrebbe anche cominciare ad avere a che fare presto con l'endurance.

Tutto ciò ovviamente è stato possibile non solo grazie a Telethon e all'Adventure & bike ma anche a Sportler che ha partecipato attivamente alla realizzazione del progetto, sponsorizzando con premi di elevata qualità la manifestazione, dal pacco gara ai premi finali, che hanno raccolto commenti entusiasti tra i vincitori ma anche tra il pubblico.

Se qualcuno aveva bisogno di nuove conferme, questa è l'ennesima che a Barbarano Vicentino le cose si fanno per bene o non si fanno per niente. Il grido è stato raccolto anche dall'amministrazione locale che ha voluto essere parte integrante dell'evento non solo economicamente ma anche con personale comunale adibito a varie mansioni per rendere l'evento unico e sempre migliore. Ciò ovviamente ha inspirato anche alcune famiglie barbaranesi che non solo hanno messo a disposizione i loro giardini per i solitari per partecipare all'iniziativa “Adotta un solitario” ma addirittura in qualche caso li hanno ospitati nelle proprie case mettendogli a disposizione servizi, cucina e tutti i comfort che un'abitazione può avere.

Solo il meglio a Barbarano Vicentino (Vi) a conferma della passione che tutto il paese ci mette e che ribolle per tutto l'anno per lo sport in generale. Qualche giorno di riposo per il comitato ma già si pensa alla sesta edizione, per crearla sempre più numerosa e “appetitosa”.

Di Emanuele Iannarilli - Uff. Stampa 24 Ore della Serenissima

  • Appassionato di sport estremi in particolare Mtb, Surf, Snowboard. Ha collaborato con Pianetamtb.it per la stesura di articoli e report per le maggiori granfondo off-road italiane e gare a tappe internazionali. Responsabile comunicazione Challenge 24mtb 2013/2014. Atleta endurance con partecipazione a gare internazionali, marathon, granfondo, gare a tappe. Responsabile comunicazione di alcune granfondo nazionali e collaboratore per alcuni brand off-road per test materiali, prova nuova prodotti. Blogger e responsabile comunicazione Bike Action Team.



Può interessarti